Il Primato Nazionale mensile in edicola

Algeri, 9 apr – Le ondate di proteste sorte i primi di marzo in Algeria dopo l’annuncio della quinta candidatura a presidente di Abdelaziz Bouteflika, non si arrestano. Oggi Abdelkader Bensalah è stato nominato capo di Stato ad interim dal Parlamento algerino. Un mandato che dovrebbe durare tre mesi, ma che non è stato gradito affatto dalla popolazione, soprattutto dagli studenti che sono scesi nuovamente in piazza guidando le contestazioni. “Bensalah vattene” è lo slogan scandito dai manifestanti, che tornano a chiedere a gran voce “la fine del regime”. Per tutta risposta la polizia antisommossa ha sparato gas lacrimogeni contro gli studenti nelle vicinanze del tunnel di accesso all’Ateneo di Algeri.

Chi è Bensalah?

Bensalah, presidente dal 2002 della Camera alta del Parlamento, è considerato molto vicino all’ex presidente 82enne Bouteflika, che ha guidato la nazione nordafricana ininterrottamente dal 1999. L’incarico assegnato a Bensalah è dunque un segnale di continuità con il precedente governo, esattamente il contrario di quanto chiesto dai manifestanti da un mese a questa parte. Si tratta infatti di un politico che ha sempre sostenuto Bouteflika, compresa la sua annunciata quinta candidatura da presidente, e all’età di 77 anni è ancora uno degli esponenti istituzionali più in vista e al contempo più invisi dalla popolazione.

Già ambasciatore in Arabia Saudita, è stato presidente del Consiglio nazionale di transizione negli anni ’90 e adesso dovrebbe convincere i manifestanti ad accettarlo come guida provvisoria del Paese per 90 giorni. Impresa evidentemente improba, considerando anche le accuse a lui rivolte anche da alcuni media locali. A cominciare dalla presunta doppia nazionalità (marocchina e algerina), cosa che se accertata sarebbe incompatibile con il suo nuovo incarico (il presidente della Repubblica per legge deve avere soltanto la cittadinanza algerina).

Eugenio Palazzini

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta