Il Primato Nazionale mensile in edicola

Londra, 27 giu – Sono almeno 12 le persone morte nel Regno Unito a causa di un batterio killer. Si tratterebbe di uno streptococco invasivo che causa un’infezione batterica letale e le autorità britanniche hanno lanciato l’allarme. I casi di contagio accertati, al momento, sono 32. Tutte queste persone sono state colpite nell‘Essex, sud-est dell’Inghilterra. I medici hanno avvisato i cittadini: “Chiedi aiuto immediatamente se hai questi sintomi“. I sintomi sono mal di gola, ingrossamento dei linfonodi nel collo, tonsille dilatate, eruzioni cutanee, raccolte di pus sulle tonsille, minuscole chiazze rosse sul palato, mal di testa e dolori addominali.

Stando a quanto riferito dai medici, i batteri possono annidarsi in gola e sulla pelle, purtroppo hanno una forte resistenza e vivono abbastanza a lungo da diffondersi con una certa facilità tramite starnuti, baci e pure semplici contatti di pelle. Mercoledì è stato diramato un avviso un avviso di “alto rischio” e si è iniziato a parlare di “epidemia in corso”. Inevitabile dunque che si sia scatenato il panico nella contea dell’Inghilterra orientale dove sono morte 12 persone.

Rachel Hearn, direttore infermieristico del gruppo clinico Mid Essex, ha però specificato che “il rischio di contrarre” il batterio killer “è molto basso per la stragrande maggioranza delle persone e il trattamento con antibiotici è molto efficace se avviato in anticipo. Continueremo a lavorare con i nostri partner in Public Health England per indagare su come si è verificato questo focolaio e prendere ogni possibile misura per garantire che la nostra comunità locale sia protetta”.

Eugenio Palazzini

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Basta immigrati sono infetti da tbc scabbia ebola e l’anima dei migliori mortacci loro chi li vuole se li porti a casa sua.

Commenta