Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 22 set – Dopo aver sciorinato le solite ovvietà sulla necessità di lottare contro il Covid, come se qualcuno pensasse di non doverlo fare, Joe Biden annuncia al mondo che “ci sarà un’altra pandemia”. Già, nel suo discorso all’assemblea generale delle Nazioni Unite, il presidente degli Stati Uniti non ha proprio lasciato spazio a dubbi.



Biden non ha dubbi: “Sicuramente ci sarà un’altra pandemia”

Dobbiamo “fare i passi necessari per prepararci alla prossima pandemia” perché “sicuramente ce ne sarà un’altra”, ha detto il leader della Casa Bianca.

Per poi aggiungere che c’è senza alcun dubbio la possibilità che si sviluppino “varianti più violente o pericolose” del Covid. Per questo “molte delle principali sfide non possono essere affrontate con la forza delle armi, le bombe e i proiettili non possono difenderci dal Covid e dalle sue future varianti”, ha dichiarato Biden. “Per combattere la pandemia, abbiamo bisogno di un atto collettivo di scienza e volontà politica abbiamo bisogno di immunizzazioni al più presto e di aumentare l’accesso ad ossigeno, test e cure per salvare vite nel mondo”.

Benvenuti nell’era delle pandemie

Ma se quest’ultima osservazione è purtroppo banale, a inquietare è l’annuncio del prossimo virus che infesterà il globo. Biden non ha infatti messo in guardia dall’eventualità che possa accadere, si è sbilanciato constatandone l’inevitabilità. Una sorta di richiamo all’age of pandemic, ovvero l‘era delle pandemie evocata qualche mese fa  da 26 scienziati del panel pensato dalla Commissione Europea e dalla Presidenza italiana del G20. “Gli sforzi odierni per affrontare il COVID-19 dovrebbero includere investimenti e misure di risposta che abbiano il maggior potenziale per una migliore prevenzione, preparazione e risposta alle minacce per la salute globale, poiché il mondo sta probabilmente entrando in un’era di pandemie”, scrivevano gli esperti.

Parole analoghe a quelle pronunciate da Ursula von der Leyen a marzo scorso: “L’Europa è determinata a rafforzare la propria capacità di produrre vaccini. Stiamo entrando in un’era delle pandemie. Se si guarda a quanto è accaduto negli ultimi anni, con l’Hiv, Ebola, Mers e Sars, quelle erano epidemie che potevano essere contenute, ma non possiamo pensare che sia tutto finito una volta superato il Covid-19. Il rischio resta”, dichiarò la presidente della Commissione Europea in un’intervista al Financial Times.

Ieri però Biden è andato ben oltre “la profezia”, dando appunto per certo il nuovo virus che il mondo dovrà affrontare. Altro che le sestine di Nostradamus.

Eugenio Palazzini



La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. Pandemie…
    o #Pandebufale
    https://massimosconvolto.wordpress.com/2021/09/20/improbabile/

    come per altro succede
    https://www.repubblica.it/cronaca/2010/01/16/news/vaccino_virus_a-1966773/
    ad ogni crollo dei mercati di carta straccia, il vero valore di un’azione è quello a libro, che chiamano valori.

    E poi come faranno a finanziare il prossimo virus
    https://www.ilprimatonazionale.it/esteri/documenti-choc-stati-uniti-finanziariono-ricerca-coronavirus-wuhan-206731/

    che gli USA sono già in bancarotta
    https://www.blacklistednews.com/article/77962/american-national-debt-increases-and-becomes.html

    tanto che nessuno compra più debito spazzatura a Stelle e Strisce
    https://www.marketwatch.com/story/washington-lawmakers-want-to-bring-back-build-america-bonds-the-muni-market-isnt-buying-it-11621533281?mod=mw_latestnews

  2. Davanti ad affermazioni di questo genere, senza spiegazioni… pure molti ns. scritti-commenti diventano storia del pensiero e della filosofia costruttiva! Alla faccia del oscurantismo, qui va a finire che gli ottimisti, non distruttivi, siamo davvero noi.

Commenta