Marine Le Pen giornalisti terrorismoParigi, 21 apr – Torna il terrore in Francia a poche ore dal voto decisivo per le sorti dell’intera Europa. Un uomo, già noto alle forze dell’ordine come islamico radicalizzato, ha aperto il fuoco sugli Champs-Elysées contro un furgone della polizia, uccidendo un agente e ferendone altri due, prima di essere freddato. Le notizie circa l’identità dell’attentatore sono contrastanti sebbene l’Isis abbia attribuito l’attacco ad Abu Yusuf al Beljiki, “il belga”, che secondo le prime ricostruzioni si sarebbe recato dal Belgio in treno. Tuttavia i media francesi, specie Le Figaro, parlano di Karim Cheurfi, 39enne francese, come principale sospettato, anch’egli già noto alle forze dell’ordine con ben tre tentativi di omicidio alle spalle e numerosi anni di carcere mai scontati. Resta da capire se i due profili descritti siano la stessa persona o due complici, in questi casi la cautela e il condizionale sono d’obbligo sebbene siano evidenti le falle di un sistema troppo spesso messo in difficoltà da uomini radicalizzati già noti alle forze dell’ordine che tuttavia non riescono ad intervenire preventivamente.

Dopo pochi minuti dall’attacco terroristico, i media si sono concentrati sui risvolti politici del sangue versato, dimostrando ancora una volta di non essere imparziali né tantomeno liberi. Se mai ci fossero stati dubbi, ieri si è avuta la conferma di come non manchi la libertà, ma manchino gli uomini liberi in grado di analizzare oggettivamente la realtà dei fatti. E’ così che un coro unanime di giornalisti definiva l’attentato come uno “spot elettorale per Marine Le Pen”, mentre Vittorio Zucconi sentenziava su twitter: “Ora sappiamo per chi vota il Califfo” mostrando il vero volto della stampa abituata alle veline del regime politicamente corretto. E’ vero, Marine Le Pen incarna il terrore, è l’incubo dell’intero establishment e di tutti quelli che hanno alimentato, fino ad esasperare, il conflitto classista dei ricchi sempre più ricchi contro i poveri abbandonati a se stessi. Marine Le Pen, come dimostrato dal coro unanime della stampa, fa più paura del terrorismo in sé, perché è l’unica che ha capito il perché del terrorismo ed è in grado di combatterlo e fermarlo. La lotta al terrorismo non può continuare ad essere incerta e sommaria, deve essere totale e riguardare anzitutto la questione siriana, con un appoggio incondizionato alle forze governative in grado di annientare l’Isis sul campo.


L’isteria del giornalismo mainstream non servirà di certo ad arginare la corsa del Front National alle presidenziali di domenica, anzitutto perché come certificato da Le Monde, esso gode del più ampio numero di voti certi e la trasformazione dell’elettorato è già stata compiuta: i “perdenti” della mondializzazione hanno scelto Marine. La sinistra francese – ma nel complesso quella europea – ha tradito le classi popolari in nome di una globalizzazione senza freni ed è divenuta rappresentante dei “vincenti” della mondializzazione, pertanto, con il suo candidato ideale, Emmanuel Macron, vincerà a Parigi, nelle grandi città, ma dalle periferie e dalle città rurali arriverà il grande schiaffo all’establishment. Anche i sondaggi certificano lo scontro tra ceti alti vs bassi, rivelando come i redditi di ciascuno influenzino le rispettive scelte nell’urna, consacrando la Le Pen come la più popolare tra i ceti bassi e Fillon-Macron tra i ceti alti. Ancora una volta, come già visto con la Brexit e con le elezioni americane, sarà uno scontro sociale, ma un dato è certo: i governi iniziano ad avere paura dei popoli e alimentando la paura cercano di reprimere il dissenso. Al popolo francese l’ardua sentenza.

Claudio Perconte

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here