Le due responsabili in manette
Le due responsabili in manette

Una storia agghiacciante dagli Stati Uniti: una coppia lesbica di Muskogee, in Oklahoma, è finita sotto accusa perché avrebbe torturato in modo atroce il figlio di soli cinque anni di una delle due. Le protagoniste di questa terribile vicenda sarebbero Rachel Stevens, 28 anni, e Kayla Jones, 25. Le due, che vivono insieme da 18 mesi con i bambini, sono state incriminate per abusi su un minorenne, lesioni e abbandono di minore. A dicembre, infatti, uno dei tre figli di Rachel, di 5 anni, è stato portato al St John Medical Center di Tulsa in preda a convulsioni e con lesioni sul viso.

I medici, dopo aver riscontrato che il piccolo era malnutrito e aveva alcune ossa rotte, hanno chiamato la polizia. Dalle indagini è emersa una realtà agghiacciante: le due donne erano solite legare il bimbo, mettergli nastro adesivo sugli occhi e tenerlo in una stanza chiusa. Il piccolo ha raccontato come la madre lo colpisse sulla mano con un martello e come tutte e due lo frustassero con una cinghia su tutto il corpo, per non parlare del calcio al basso ventre che gli fu sferrato dalla matrigna con tanta violenza da farlo sanguinare. Abusi che, secondo gli investigatori, sono andati avanti per molti mesi. Ora il bambino è in ospedale, cercando di riprendersi dalle ferite fisiche e da quelle, ancor più profonde, di tipo psicologico. Il suo fratello gemello e la sorellina di sette anni sono stati invece presi in custodia dal Department of Human Services.


Giuliano Lebelli

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here