Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 15 set – Donald Trump è sicuro: “Nel giro di settimane, potrebbero essere quattro settimane, potrebbero essere otto” il vaccino americano sarà pronto. E’ quanto dichiarato dal presidente degli Stati Uniti a Fox&Friends. Non è però la prima volta che il tycoon evoca la realizzazione imminente di un vaccino americano contro il coronavirus, stavolta però lo ha proprio annunciato facendo intendere che per averlo a disposizione è questione di non più di due mesi. In pratica, non serve una calcolatrice per scoprirlo, Trump sta dicendo che al massimo pochi giorni prima delle elezioni presidenziali di novembre gli Usa avranno ufficialmente un vaccino.

Bill Gates vede nero

Molti analisti sospettano che le dichiarazioni del presidente statunitense siano mera propaganda elettorale, è però altrettanto evidente che a questo punto se Trump non dovesse tirar fuori il vaccino prima del voto rischierebbe di apparire poco credibile anche agli occhi dei propri elettori. Quindi può senz’altro essere vero quanto affermato dal tycoon, il problema che si pone riguarda semmai sicurezza ed efficacia di questo vaccino. Oggi poi sono arrivate le “previsioni” decisamente pessimistiche di Bill Gates, che intervistato da La Stampa ha detto che la pandemia di coronavirus finirà forse nel 2022 e soltanto se i vaccini “saranno efficaci, anche con un livello di vaccinazione del 60%, fermeremo la diffusione esponenziale della malattia. Per il fondatore di Microsoft è poi “increscioso che molte dichiarazioni del presidente Trump abbiano fatto percepire il vaccino contro il Covid come una questione politica. Quando sarà finita, gli Usa dovranno fare un esame molto approfondito, per capire come prepararsi alla prossima pandemia”.

Germania, vaccino da metà 2021

Nel frattempo oggi anche la Germania ha annunciato un vaccino che secondo il governo di Berlino potrebbe essere disponibile per molte persone a partirà dalla metà dell’anno prossimo. E’ quanto dichiarato dal ministro tedesco dell’Istruzione e della Ricerca, Anja Karliczek, durante una conferenza stampa a Berlino tenuta con il ministro della Salute, Jen Spahn. La stessa Karliczek ha fatto notare che essenziale che il farmaco sia “sicuro”, intanto comunque la Germania sta facendo “progressi veloci” e per questo il governo non può che dirsi “fiducioso”. In ogni caso “dobbiamo ancora dire che non siamo ancora dove vogliamo. E non sappiamo cosa può succedere nelle prossime settimane”, ha precisato il ministro dell’Istruzione e della Ricerca.

Eugenio Palazzini

1 commento

  1. Propio Gates mi viene a dire che Trump usa il vaccino come propaganda politica, e per quanto riguarda la presunta pandemia il caro Bill cos’ha? La sfera magica che mi viene a dire che finirà nel 2022? Se c’è uno che ha degli interessi dietro a questa “pandemia politica è propio lui“! Per quanto riguarda Trump, non è uno stupido lo sa che il virus è mutevole, quindi queste sue dichiarazioni che pare avesse detto non sono sicuro che siano sue, perché dato che siamo vicino alle elezioni ci sarà qualcuno che vuole metterlo in cattiva luce!

Commenta