Parigi, 15 dic – Un imponente schieramento di forze dell’ordine di fronte ad una manifestazione di lunga data che sembra però calare in intensità. E’ l’«atto quinto» e forse finale della protesta dei Gilet Gialli, che si sono ritrovati anche oggi nella capitale francese per l’ennesima tappa della protesta contro Macron e le politiche del suo governo.
La partecipazione ai cortei si è rivelata molto più scarsa rispetto a quanto visto in passato. Le condizioni metereologiche – è caduto anche del nevischio in mattinata – e i numerosi blocchi di polizia all’ingresso di Parigi, che limitavano fortemente l’accesso in città specialmente ai manifestanti della provincia e agli autostraportatori, non hanno aiutato. Non è da escludere che anche l’attentato di Strasburgo abbia fatto la sua parte, canalizzando l’attenzione dei francesi su altre tematiche.
Leggi anche – Gilet Gialli, Macron fa mea culpa e alza i salari. Basterà a sedare la rivolta?
Se la settimana scorsa si erano registrati centinaia di arresti, i fermi di oggi si contano sulle dita di una mano. Qualche momento di tensione sugli Champs-Elysées, con la polizia che ha effettuato alcune cariche di alleggerimento. Nulla tuttavia in confronto alle tensioni che si erano registrate sette giorni fa. Tanto che i negozi parigini sono rimasti aperti, così come i musei e i siti turistici più importanti.
Nicola Mattei

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta