Roma, 14 apr – Riavvicinamento strategico tra Nato e Russia, con la Francia fuori dal comando integrato dell’Alleanza atlantica. E’ quanto vorrebbe Marine Le Pen, che oggi ha presentato il suo programma in vista del ballottaggio delle elezioni presidenziali francesi.

Cosa ha detto Le Pen sulla Nato

Serve “un riavvicinamento strategico tra la Nato e la Russia dopo che sarà conclusa la guerra russo-ucraina e ci sarà un trattato di pace”, ha detto in conferenza stampa la candidata di Rassemblement national. “E’ interesse della Francia e dell’Europa, ma credo anche degli Stati Uniti, che non hanno alcun interesse a veder emergere un’unione stretta tra Cina e Russia”, ha precisato Le Pen. La sfidante di Macron intende inoltre riportare la sua nazione fuori dal comando integrato della Nato, “come è stato dal 1996 al 2009”. Questo non significa che la Francia lascerebbe la Nato. “Vorrei eliminare ogni malinteso – ha detto Le Pen – Questa politica non implica alcuna sottomissione a Mosca e non è mai messa in dubbio la fedeltà della Francia alla Nato”.

Un’altra politica estera

Durante la conferenza stampa Le Pen non ha affrontato soltanto la questione Nato, spiegando più nel dettaglio la sua visione di politica estera, dicendo ad esempio di voler rilanciare il dibattito sull’allargamento del numero di membri permanenti al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni unite.
“Per ridare una certa legittimità al Consiglio di sicurezza, rilancerò l’idea di ampliare la lista dei suoi membri permanenti”, ha detto. E quali altri membri includerebbe? “L’India”, ma anche “un rappresentante dell’Africa o del Sudamerica”. Come noto l’organo esecutivo dell’Onu conta adesso 15 membri, dei quali cinque con diritto di veto. Gli altri dieci altri membri vengono nominati per due anni dall’Assemblea Generale dell’Onu. Le Pen vorrebbe un “concerto delle nazioni” anziché una “presunta ‘comunità internazionale’ o ‘governance mondiale’” che a suo avviso è “pura utopia, se non travestimento dell’egemonia esercitata da una o due superpotenze”.

Eugenio Palazzini

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta