Il Primato Nazionale mensile in edicola

libiRoma, 25 gen – Per la prima volta Palazzo Chigi ammette quanto trapelato da tempo ma puntualmente smentito a livello diplomatico e governativo. Siamo vicini a raid anche italiani in Libia contro lo Stato islamico.”L’Italia è pronta ad azioni militari: se sarà necessario, agiremo con i nostri alleati, su richiesta del governo di Tripoli e nel quadro dettato dalle risoluzioni dell’Onu”. E’ quanto dichiarato da fonti governative a Repubblica che cita inoltre personalità vicine a Renzi che parlano di azioni concordate con gli Stati Uniti e con gli altri “nostri alleati”, leggasi in particolare Francia e Gran Bretagna, che a questo punto potrebbero tramutarsi in raid sul suolo dell’ex quarta sponda italiana nell’arco di due-tre settimane.



Non si tratta di un cambio di rotta repentino da parte dell’Italia ma di un piano di guerra al vaglio da mesi e che potrebbe vedere la luce adesso, all’indomani dalla designazione del nuovo premier libico Fayez al Sarraj, che ha annunciato la nomina di 32 ministri e 4 vicepremier, numeri apparentemente esagerati ma che nell’intenzione del governo sono indispensabili per assicurare rappresentanze alle tre principali macroregioni libiche: Cirenaica, Tripolitania e Fezzan. Il dato di fatto è che in realtà il tanto auspicato governo di unità nazionale è ancora soltanto sulla carta, visto che il governo insediato a Tobruk tergiversa sul riconoscimento del nuovo premier e numerosi gruppi armati libici continuano ad opporvisi.

Black Brain

Allo stesso tempo nelle ultime settimane si sono intensificati gli attacchi dei jihadisti agli impianti dell’Eni, che da campanello di allarme per l’Italia sono ormai divenuti una minaccia decisamente seria visto inoltre che lo Stato islamico è sempre più radicato a Sirte ed ha esteso la sua influenza in altre località della costa libica. Salvo svolte riguardo accordi governativi e rapide riconquiste territoriali da parte dell’esercito libico di Tripoli, al momento assai improbabili considerate le divisioni interne e la sempre più complicata situazione sul campo, la guerra ad oggi appare imminente. Con l’Italia, spronata dagli “alleati”, in prima linea.

Eugenio Palazzini

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta