barconi isisRoma, 24 nov – “Non dite che tutti i rifugiati sono terroristi”. Ce l’hanno detto per mesi, e infatti non lo diciamo. No, non tutti i rifugiati sono terroristi. Ma almeno due sì. Che comunque bastano e avanzano, nel momento in cui si mettono una cintura esplosiva e decidono di andare allo stadio.

Facciamo un passo indietro: 3 ottobre 2015, isola di Leros, Grecia. Arriva un barcone con 197 immigrati provenienti dalla Siria. Ebbene, sembra che su quell’imbarcazione fossero due degli attentatori suicidi dello Stade de France, M al-Mahmood e Ahmad al Mohammad, e per questa ragione l’intelligence parigina ha chiesto a tutte le polizie europee di indagare proprio sui quei passeggeri, o almeno sui 140 adulti fra di loro.

Per facilitare il lavoro dei colleghi europei, i francesi hanno inviato il dna e le impronte digitali degli attentatori identificati e di quelli ancora da identificare, chiedendo di verificare se nei database vi fossero elementi a loro riconducibili. La speranza è di riuscire a risalire ad alcuni di questi, o almeno a ricostruire il percorso che hanno seguito.

Anche se il passaporto di Ahmad al Mohammad sembrerebbe falso, la presenza di due jihadisti sui barconi sembra comunque accertata. È la conferma, semmai ce ne fosse bisogno, della natura suicida delle politiche europee sull’immigrazione. Serve ancora altro per cambiare registro?

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. Da scrivere a caratteri cubitali davanti a casa di Renzi, che in tutte le tv ha detto, sapendo di mentire, che “i terroristi non arrivano sui barconi, ma sui voli di linea”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here