Il Primato Nazionale mensile in edicola

Damasco 26 set – Sono immagini abominevoli che gonfiano gli occhi di rabbia e fanno tremare le mani, è la fredda, barbara esecuzione di un uomo inerme legato per le mani e bastonato a morte dai cosiddetti “ribelli moderati” che combattono in Siria contro Assad. E’ un video brutale, è la fotografia del vero volto del terrorismo in Siria che non smette, nonostante tutto questo, di ricevere il supporto delle potenze occidentali Usa in primis. E’ un video in cui le risate degli aguzzini si mischiano ai rantoli di un uomo agonizzante, colpevole di essere un Alawita, di appartenere cioè a quella minoranza religiosa degli sciiti da cui provengono anche gli Assad. La vittima è stata identificata come il sergente Ammar Shawish, un militare di leva dell’amministrazione politica del esercito siriano Army (unità non combattente). Viene dalla città alawita di Al-Mukharram, quasi 42 km al nord-ovest della città centrale di Homs. Le brutalità sui prigionieri delle formazioni terroristiche in Siria sono all’ordine del giorno ma l’accanimento contro le minoranze religiose, avallato dalle molte fatāwā (invettive) lanciate dai sedicenti Imam, raggiunge livelli inauditi come il video ci mostra, mettendo bene in evidenza l’idea di convivenza tra etnie e gruppi religiosi in una Siria senza Assad.



https://twitter.com/Souria4Syrians/status/780374879766020096

Black Brain

Nel video si vede chiaramente l’uomo legato e straziato dai colpi dei suoi torturatori che si accaniscono sul torso della vittima e intanto gli chiedono di confermare che è un alawita per poi deporlo a terra e premere sul suo costato in cui le costole non sorreggono più i polmoni per finirlo poi girandolo su un fianco e lasciandolo soffocare. Questo è quanto accade oggi in Siria, a questo si oppongono le istituzioni e l’esercito siriano.

Pensateci la prossima volta che vi racconteranno di “ribelli moderati” e di dittatori da abbattere.

Alberto Palladino

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. questa crudelta’ la vedono e la provano i siriani da 5 anni.la devianza della crudelta’,alimenta il male assoluto,.e’ il male assoluto,e quel video ne e’ la rappresentazione decadente.non umani!

Commenta