Il Primato Nazionale mensile in edicola

Madrid, 12 dic – Nella notte appena trascorsa, Victor L. è stato brutalmente aggredito da due individui all’uscita di una discoteca di Zaragoza. Victor, 60 anni, è un legionario in congedo del Tercio, celebre unità militare scelta dell’Esercito spagnolo, guidata in passato, tra gli altri, dal leggendario José Millán-Astray. Attualmente Victor è ricoverato presso l’ospedale Miguel Servet e le sue condizioni sono gravissime: pare sia stata diagnosticata la morte cerebrale e il decesso, quindi, sembra imminente. Secondo quanto hanno raccontato i testimoni alla polizia, nella discoteca dove si trovava Victor due giovani avrebbero cominciato a insultarlo, rimproverandogli di indossare delle bretelle con la bandiera della Spagna.

Quando Victor ha abbandonato il locale, i due lo hanno rincorso e uno di loro lo ha violentemente colpito con una sbarra di ferro. Victor non ha avuto alcuna possibilità di difendersi poiché attaccato proditoriamente alle spalle. Una volta stramazzato al suolo, Victor è stato poi picchiato a morte dai suoi assalitori. La polizia ha subito aperto un’inchiesta. Secondo gli inquirenti, gli autori del vile gesto sarebbero estremisti di sinistra. Attualmente uno dei due presunti assalitori è detenuto dalle forze dell’ordine. Gli amici di Victor hanno dichiarato alla stampa: «Bisogna essere particolarmente crudeli e pieni di pregiudizi ideologici per uccidere qualcuno “colpevole” solo di aver indossato una bandiera della Spagna». Anche sui social network numerosissime persone si sono dette indignate e inorridite per l’aggressione disumana ai danni di Victor, un ex legionario la cui unica colpa è stata quella di ostentare l’amore per la sua nazione, a lungo servita come cittadino e soldato.

Miguel Ibarra

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. Ma i violenti sono quelli di destra….
    le zecche sono tutte uguali: vigliacche e infami, ne conosci uno li hai conosciuti tutti

Commenta