Intesa Usa IranRoma, 3 apr – Nella resa dei conti globale che caratterizza questa fase geopolitica complessa, in cui ogni attore gioca su due o tre tavoli contemporaneamente, può accadere anche questo: Iran e Usa che festeggiano insieme mentre Israele, Arabia Saudita, Egitto e gli altri Paesi sunniti guardano in cagnesco la strana coppia.

Colpa dell’accordo sul nucleare, che segna una tappa storica nel disgelo fra Washington e Teheran.

Punti centrali della storica intesa, la cancellazione graduale e monitorata delle sanzioni, la riduzione di due terzi dell’arricchimento dell’uranio, controllo da parte di ispettori internazionali della sospensione del programma nucleare iraniano.

“L’accordo è stato trovato sui parametri chiave. Cominciamo immediatamente a lavorare sulla stesura, che verrà completata entro il 30 giugno”, ha detto il presidente iraniano Hassan Rohani. Cauto il ministro degli Esteri Javad Zarif: “L’Iran è stato vittima in passato di molte, molte promesse infrante. Vogliamo essere sicuri che questo non accada di nuovo. Le nostre relazioni con gli Usa non hanno niente a che vedere con questo. Ci dividono tante differenze e nel passato abbiamo eretto una reciproca diffidenza. La mia speranza è che, con la coraggiosa implementazione di questo accordo, si possa recuperare un po’ di quella fiducia. Non ci resta che aspettare e osservare”.

Nei quartieri più benestanti della capitale la gente è scesa in strada a festeggiare. Anche Obama presenta l’accordo come una vittoria: “E’ una storica intesa, preverrà la bomba nucleare. Se arriveremo a un accordo finale, gli Stati Uniti, i nostri alleati e il mondo saranno più sicuri. Se l’Iran mentirà, il mondo lo saprà”.

Ma l’inquilino della Casa Bianca deve fare i conti con l’ira del premier israeliano Benjamin Netanyahu. I due si sono sentiti telefonicamente in serata e il premier israeliano è stato duro: “Questo accordo mette a rischio la sopravvivenza di Israele. L’intesa apre la strada alla possibilità che l’Iran si doti della bomba atomica”.

 

3 Commenti

Commenta