Il Primato Nazionale mensile in edicola

Sei un fumatore e vuoi passare alla sigaretta elettronica per perdere il vizio? Decidere di iniziare a svapare può costituire una scelta che ti garantirà un notevole risparmio economico e un grande ritorno in salute.



A differenza della sigaretta tradizionale, infatti, la sigaretta elettronica non prevede nessuna combustione ma un processo di vaporizzazione del liquido di base. Nella combustione del tabacco della sigaretta tradizionale vengono rilasciate circa 4000 sostanze cancerogene che sono causa dei principali disturbi respiratori.

Da uno studio condotto dall’AIRC, invece, la produzione di sostanze nocive da parte della sigaretta elettronica si limita alla formaldeide e all’acetaldeide, che possono causare problemi solo se assunte in grandi quantità. Una differenza importante, quindi, tra il mondo del fumo tradizionale e quello dello svapo.

Non ultimo c’è da considerare il denaro che risparmierai se sceglierai di adottare la sigaretta elettronica: alcuni tipi di dispositivi non richiedono quasi alcuna spesa di manutenzione, e l’unico acquisto da fare per usarli è quello dell’e-liquid. Quest’ultimo presenta una vastissima varietà di gusti: da quelli che richiamano il classico sapore di tabacco, a quelli che evocano note fruttate o dolci della crema e del caramello. Insomma, se ancora non hai iniziato a svapare, dovresti considerare di farlo.

Sigaretta elettronica: cos’è e come funziona

La sigaretta elettronica è un dispositivo in grado di vaporizzare un liquido progettato per lo svapo. Il processo che sta alla base del suo funzionamento consiste nel surriscaldamento del suddetto liquido, solitamente contenuto in un serbatoio, attraverso l’uso di un componente chiamato atomizzatore.

L’atomizzatore è costituito da un elemento riscaldante, detto resistenza, e da un materiale in grado di veicolare il liquido di base: di solito si usa il cotone, ma esistono delle varianti meno diffuse in commercio. Quando si preme il tasto di attivazione della e-Cig, la resistenza surriscalda l’e-liquid con il quale è precedentemente venuta in contatto per mezzo del cotone, raggiungendo temperature comprese tra i 100 e i 250° C.

In tal modo il liquido si trasforma in vapore e viene condotto nel canale di aspirazione pronto per essere svapato. Come già detto la sigaretta elettronica non prevede l’uso di nessuna combustione per produrre vapore, riducendo notevolmente la dannosità del fumo per il nostro organismo.

Scegliere la sigaretta elettronica: tiro di guancia e tiro di polmone

Per scegliere la sigaretta elettronica adatta a te devi innanzitutto determinare quale tipo di esperienza svapo metterai in pratica con il tuo dispositivo. Esistono diversi modi per svapare, ma generalmente si possono indicare due categorie:

  • tiro di guancia
  • tiro di polmone.

Il tiro di guancia, indicato talvolta come MTL (Mouth to Lung, “Dalla bocca ai polmoni”), è quello che ricorda maggiormente l’inalazione del fumo tradizionale. Il vapore viene assunto in due fasi: nella prima si aspira e si fa sostare nella bocca, nella seconda viene aspirato direttamente nei polmoni. Questa tipologia viene di solito adottata da chi si avvicina al mondo della sigaretta elettronica dopo essere provato la sigaretta tradizionale.

Il tiro di polmone, conosciuto anche con la sigla DL o DTL (Direct Lung/ Direct to Lung, “Direttamente ai polmoni”) prevede l’aspirazione del vapore direttamente nei polmoni, senza che quest’ultimo sosti prima in bocca. Il tiro è molto arioso, e la quantità di vapore che entra nei polmoni è maggiore.

Tiro di guancia e tiro di polmone: pro e contro

Entrambe le modalità di svapo hanno dei pro e dei contro. Nel caso del tiro di guancia, la resa aromatica sarà più gradevole, a fronte di un minor consumo di liquido e della carica della batteria (questo perché nell’aspirazione si produce meno vapore). D’altro canto, proprio la minore produzione di vapore potrebbe essere un fattore che diminuisce la soddisfazione del vaper.

Per quanto riguarda il tiro di polmone il vantaggio è l’elevata quantità di vapore prodotta, che riduce l’hit (il colpo in gola durante l’aspirazione) conferendo al passaggio dell’aria una sensazione più morbida. Gli svantaggi consistono nell’elevato consumo di liquido e di batteria per produrre quella quantità di vapore, e il fatto che questo tipo di svapo potrebbe non essere apprezzato da chi ha appena smesso di fumare.

Starter Kit per iniziare: Kit Completi e Pod Mod

Per chi è alle prime armi, scegliere la sigaretta elettronica più funzionale potrebbe non essere affatto facile. Esistono moltissimi modelli disponibili, pensati soprattutto per gli amatori a cui piace dedicare il loro tempo alla cura e alla manutenzione dei loro dispositivi.

Per iniziare, tuttavia, è consigliabile adottare delle e-Cig che siano di facile utilizzo, per comprendere innanzitutto se effettivamente lo svapo piaccia o meno e per entrare in confidenza con le sue modalità di applicazione. Per questo è consigliabile ricorrere agli Starter Kit: si tratta di sigarette elettroniche semplici da usare e validi alleati dei principianti.

Di norma tra le caratteristiche di uno Starter Kit c’è quella di montare batterie di piccole dimensioni, con una capacità compresa tra i 900 e 1500 mAh, ed un atomizzatore della capacità di almeno 2 ml con resistenza sostituibile.

Tra gli Starter Kit tuttavia si possono trovare anche e-Cig con capacità superiore ai 4000 mAh, e che presentano una o più batterie sostituibili rendendo così illimitato il tempo per lo svapo. Tra gli Starter Kit più diffusi ci sono sicuramente i Kit Completi e le Pod Mod.

Kit Completi

Scegliere un Kit Completo per sigaretta elettronica potrebbe essere una buona idea se hai appena deciso di approcciarti al mondo dello svapo e non sai da dove iniziare. Normalmente un Kit Completo è formato da un corpo batteria e da un serbatoio (o tank) con resistenze intercambiabili.

Di solito questi dispositivi sono ricaricabili tramite presa USB/ USB Type C e talvolta c’è anche la possibilità di sostituire la batteria stessa. Inoltre presentano delle funzioni di protezione integrate, quali monitoraggio della batteria, spegnimento automatico e protezione da cortocircuito.

Optare per un Kit Completo significa ridurre al minimo le scelte da operare per la manutenzione del proprio dispositivo: l’unica cosa di cui ti dovrai preoccupare sarà trovare il liquido svapo più adatto ai tuoi gusti.

Pod Mod

Tra gli Starter Kit in commercio, le Pod Mod si possono annoverare per l’alto grado di portabilità del dispositivo, abbinato ad alte prestazioni tecniche per chi non sa rinunciare ad un’ottima esperienza di svapo. Se devi scegliere la sigaretta elettronica perfetta per te, questa potrebbe essere una buona opzione.

Ciò che contraddistingue questa tipologia di sigarette elettroniche è la presenza di una Pod, vale a dire una capsula contenente liquido e resistenza, che può essere sostituibile o richiedere la sostituzione dell’intera Pod. I vantaggi che la Pod Mod offre sono un design spesso curato e accattivante, grande facilità di utilizzo e una compattezza che garantisce il minimo ingombro.

Le dimensioni contenute della e-Cig presentano degli svantaggi: in primis quella di montare una batteria di capacità ridotta, come ridotto è anche lo spazio disponibile per inserire l’e-liquid. A fronte di un buon grado di usabilità, quindi, le prestazioni, seppur di qualità, avranno una durata di tempo inferiore.

Le scelte per chi vuole iniziare sono molte: questa breve guida dovrebbe averti fatto capire quali i dispositivi più indicati per approcciarti al mondo dello svapo. Adesso non ti resta che cercare tra gli innumerevoli e-commerce di sigarette elettroniche e trovare quella più adatta alle tue esigenze.

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta