I massaggiatori sono una categoria forse sottovalutata. Ma il lavoro del massaggiatore, in realtà, presenta diversi aspetti positivi, dal contesto relativamente tranquillo della operatività giornaliera alla possibilità di avere una clientela, nel tempo, sempre più selezionata. Con un occhio di riguardo anche al benessere personale.

Il lavoro del massaggiatore

Lo stress nella vita odierna è una componente molto rilevante. Presente in tutte le persone – in modo più accentuato e meno, a seconda del soggetto – esso è una testimonianza fulgida della frenesia quotidiana che siamo costretti ad affrontare in questo turbolento XXI secolo. Tuttò ciò ha degli effetti sul nostro corpo, a volte perfino inaspettati. Da un sistema di nervi troppo teso al collo, ad esempio, la mente è addirittura in grado di “inventare” dolori nel resto del corpo. La necessità quindi di “sciogliere” le terminazioni nervose non è da sottovalutare. Ed ecco che vengono in soccorso i massaggiatori. Ecco perché i massaggiatori sono necessari e hanno una platea di clienti potenzialmente infinita (ma con la libertà di sceglierla). Ed ecco perché, se si vuole provare a cercare una professione stimolante e al contempo remunerativa, diventare massaggiatori può essere una strada più che valida.

Diventare massaggiatori

Questo corso promosso da artecorpo.it ci spiega in modo abbastanza dettagliato il percorso di preparazione utile a diventare massaggiatori. Una formazione che, ovviamente, è necessaria proprio allo scopo di conoscere le varianti di intervento su muscoli e nervi del corpo umano. I corsi disponibili sono piuttosto variegati. Si parte dall’insegnamento sul massaggio tradizionale, per acquisire le competenze teorico-pratiche del cosiddetto “massaggio svedese”, incentrato anche sull’aspetto muscolare. Ma molto popolare è anche il massaggio “olistico-energetico”, o per meglio dire “a indirizzo bioenergetico”, che si interessa delle pratiche di rilassamento corporeo, come la respirazione guidata. In quest’ultima categoria, sono molto importanti gli insegnamenti della materia impartiti da A. Lowen, oltre alle ricerche sui linguaggi corporei di A. Montagu.

 

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta