Quando si parla di ciambellone si fa riferimento a una torta molto soffice e alta che si può consumare in molti momenti della giornata, sia a merenda che a colazione. È possibile, inoltre, farcirlo con confetture e creme, affinché si presti a essere gustato in tante circostanze diverse. Insomma, un dolce della nonna classico, che fa della semplicità il proprio punto di forza e che si rivela al tempo stesso genuino, riuscendo a mettere d’accordo adulti e bambini. A volte, però, in fase di preparazione può succedere che qualcosa non vada per il verso giusto: il ciambellone non viene abbastanza alto o non si gonfia come dovrebbe. Perché ciò avviene?

Attenzione alla farina

Il primo aspetto a cui si dovrebbe prestare attenzione è quello relativo alla scelta della farina. Questo ingrediente, come noto, rappresenta un elemento molto importante per la preparazione ottimale di un dolce. Dalla farina dipende la struttura, e inoltre essa fa da supporto a tutti gli altri ingredienti, dagli aromi al burro, dallo zucchero alle uova. Quando si deve cucinare un ciambellone è opportuno optare per la farina 00 e ricordarsi di setacciarla con cura, per non correre il rischio che si formino dei grumi. Si può pensare di aggiungere alla farina 00 della farina di riso o una parte di amido di mais: questi due ingredienti, infatti, contribuiscono ad aumentare la friabilità della torta e fanno sì che essa risulti ancora più morbida.

La scelta delle uova

Quando si preparano i dolci, e quindi anche questo ciambellone, è opportuno che le uova che si usano siano sempre a temperatura ambiente: questo è un piccolo segreto che aiuta ad avere un impasto spumoso e soffice. A seconda delle abitudini, è possibile decidere di usare le uova intere, oppure di impiegare prima unicamente i tuorli per poi montare i bianchi a parte. Che si usino solo i tuorli o anche le uova intere, conviene lavorare il tutto subito dopo che è stato messo lo zucchero, in modo che non rimangano dei piccoli grumi all’interno dell’impasto. Le uova devono essere lavorate con lo zucchero per avere un composto spumoso e chiaro.

Il lievito

Un altro degli ingredienti più importanti per un ciambellone soddisfacente è senza alcun dubbio il lievito. Per avere un dolce ben profumato il consiglio è di preferire un lievito per dolci aromatizzato alla vaniglia e in polvere. È fondamentale che questo ingrediente venga versato all’ultimo, subito prima che l’impasto venga messa in forno. Se si mette il lievito troppo tempo prima, infatti, la reazione chimica di lievitazione si innesca già fuori dal forno, e quindi si esaurisce in maniera più rapida del previsto. In alternativa al lievito per dolci chimico si può impiegare il cremor tartaro: si tratta di un agente naturale lievitante che può essere adoperato come il tradizionale lievito in polvere. Al posto della quantità di lievito indicata dalla ricetta occorre mettere mezza parte di bicarbonato di sodio e mezza parte di cremor tartaro.

La scelta fra il burro e l’olio

Per avere un ciambellone il più possibile morbido, sia l’olio che il burro sono due ingredienti molto importanti. In linea di massima l’olio è più adatto a una preparazione leggera, mentre con il burro si ottiene una torta più aromatica e più dolce. Qualora si opti per il burro, questo non deve essere messo freddo di frigo, ma va inserito quando è morbido; si può anche decidere di scioglierlo ma prestando attenzione a non scaldarlo più del dovuto. Per quel che riguarda l’olio, vanno bene sia l’olio di semi di girasole che quello di semi di arachidi. Se si sceglie l’olio di oliva, è importante che il suo gusto sia molto leggero.

Il ciambellone della nonna

Il ciambellone della nonna è una delle preparazioni dolci più gustose che si possano sperimentare. Lo si può usare, fra l’altro, come pan di Spagna: una specie di panettone homemade che può essere preparato anche da chi ha scarsa esperienza ai fornelli. Di certo dopo aver provato questo ciambellone non si riuscirà a resistere alla voglia di assaggiarlo ancora. Per realizzarlo c’è bisogno di 250 grammi di farina 00, 5 uova, 8 grammi di lievito per i dolci, 30 millilitri di olio di semi, un cucchiaino di estratto di vaniglia, un pizzico di sale, 200 grammi di zucchero, 50 grammi di latte e la scorza di un limone grattugiata.

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta