Passeggiando per le strade della città, sarà capitato di leggere le nuove offerte lanciate dai supermercati della zona, le promozioni pubblicizzate da scuole di alta formazione, i film attualmente in sala così come le date fissate per concerti di artisti famosi in tutto il mondo. Tutto ciò diventa possibile grazie a dei maxischermi posizionati in aree strategiche. Oggigiorno, è facile ritrovarli lungo le vie del centro, sulle facciate degli edifici, agli ingressi delle stazioni ed in moltissimi altri punti d’aggregazione.

In gergo tecnico, i maxischermi presenti in vari punti strategici, come i ledwall Macropix, sono dei veri e propri muri a led. In pratica, i ledwall di ultima generazione creano una parete video continua, senza giunture tra i moduli inseriti, in grado di digitalizzare qualsiasi spazio.

Come già accennato, questi maxischermi servono per scopi promozionali, per fini pubblicitari e per trasmettere alcune informazioni di servizio. Per un chiarimento sulle finalità appena citate, ti basterà continuare la lettura della guida odierna.

Ledwall: l’uso per scopi promozionali

Se si volesse individuare la finalità principale dei ledwall, la si troverebbe nel contributo alla diffusione di promozioni e di saldi stagionali. Le richieste di promozione testimoniano un crescente interesse, proveniente da vari esercenti commerciali: negozi d’abbigliamento, rivenditori di articoli sportivi, cartolerie, ristoranti ma si trovano anche concessionarie per auto e moto e punti di noleggio a lungo termine.

Sia alle multinazionali che alle piccole imprese, i ledwall assicurano delle immagini in alta definizione e la possibilità di riprodurre brevi video, magari lasciando scorrere una serie di accattivanti slide. Il merito è della tecnologia DIP, oggi applicata ai ledwall outdoor. Questi ultimi sono progettati unendo degli innovativi LED cilindrici, terminanti in una copertura semisferica. In definitiva, il design dei ledwall outdoor ne migliora in maniera significativa la luminosità e la nitidezza dei colori.

Siccome ciascun LED è in grado di riprodurre una sola tonalità, la struttura degli schermi outdoor è composta da una miriade di LED, disposti in tanti piccoli triangoli, seguendo il noto modello RGB (rosso, verde e blu).

Riprendendo quanto sopra accennato, i ledwall sono un perfetto strumento per farsi conoscere in città e lasciarsi apprezzare da possibili nuovi clienti. Mostrando dei messaggi oltre che immagini su maxischermi outdoor, si informano i passanti dell’apertura di nuovi punti vendita e li si invita a consultare le pagine social per restare aggiornati.

Essendo i ledwall impermeabili e progettati per resistere anche all’escursione termica, quel messaggio pubblicitario precaricato apparirà chiaro e ben leggibile anche in situazioni di pioggia battente che potrebbero limitare fortemente la visibilità dei metodi tradizionali. I modelli di ultima generazione vantano uno standard d’impermeabilità IP 68, cioè una resistenza dei dispositivi a getti d’acqua da 10 BAR, a tempeste di sabbia e alle basse temperature.

Ledwall: l’uso per informazioni di servizio

Non è raro trovare dei ledwall lungo le autostrade o nei luoghi trafficati, fornendo informazioni di servizio agli automobilisti. In questi casi, l’obiettivo è rendere consapevoli gli automobilisti dei pericoli che li attendono su strada, sollecitandone la prudenza e la moderazione nella prosecuzione di quel determinato tratto. Talvolta, alle informazioni di servizio seguono indicazioni su punti ristoro e su aree di sosta.           

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta