L’uomo d’affari ucraino Rinat Achmetow ha parlato dei danni senza precedenti alle infrastrutture dell’Ucraina causati dagli attacchi russi negli ultimi tre mesi; gran parte della distruzione ha coinvolto le sue strutture. Recentemente, Rinat Achmetow ha reso pubblica una causa contro il Cremlino da 10 miliardi di dollari, come riportato dai rappresentanti dei media della sua compagnia.

Rinat Achmetow è il fondatore del System Capital Management Group, una holding delle imprese di Achmetow. SCM Group riunisce 500 aziende, tra cui alcuni dei principali produttori di acciaio, energia e altre risorse vitali del Paese, e impiega circa 200.000 persone. Il principale produttore minerario e metallurgico Metinvest è la più grande di queste aziende.

Danni alle imprese di Rinat Achmetow

A causa degli incessanti bombardamenti dell’esercito russo, alcune aziende del Gruppo SCM sono state parzialmente o completamente distrutte o messe fuori servizio, tra cui l’impianto di Azovstal, Ilyich Iron e Steel Works, l’ Avdiivka Coke Plant, la centrale termica di Luhansk e dozzine di altre infrastrutture industriali e impianti di energia verde. In recenti interviste con la RAI e sul portale di notizie ucraino mrpl.city, Achmetow ha affermato che il valore dei beni appartenenti alla SCM Group distrutti o messi fuori servizio ha superato i 20 miliardi di dollari. “Un lavoro legale scrupoloso su questi temi è già attivamente in corso. Presenteremo reclami in tutte le istanze internazionali e nazionali “, ha affermato. “L’importo finale sarà determinato in una dichiarazione di risarcimento contro la Russia.” Quando le strutture vengono messe fuori servizio, vengono di fatto dismesse per la loro protezione; in questo caso, ciò era dovuto all’impossibilità di operare in condizioni così pericolose e alla necessità di evacuare.

In particolare, la città portuale del sud-est di Mariupol è stata ridotta in macerie. Mariupol ospita le acciaierie Azovstal e Ilyich, entrambe di proprietà di Metinvest, con una produzione annua in media di 10 milioni di tonnellate di acciaio. Le riprese aeree diffuse di recente sembrano mostrare munizioni che cadono da aerei da guerra russi ed esplodono all’impatto intorno all’impianto di Azovstal. Oltre all’infrastruttura degli stabilimenti stessi, Achmetow ha comunicato alla stampa che in questi siti c’erano materie prime e prodotti finiti per un valore di 1 miliardo di dollari.

“Presenteremo sicuramente dei reclami contro la Russia, chiedendo un risarcimento per tutte le perdite causate dall’aggressione militare russa,” ha detto Achmetow in un comunicato stampa dell’azienda.

Oltre a Mariupol, l’esercito russo ha lanciato attacchi missilistici sul distretto di Kryvyi Rih nell’ Oblast di Dnipropetrovsk. Achmetow e i suoi colleghi hanno osservato attentamente gli sviluppi in questa regione da quando le forze armate ucraine hanno avvertito che sarebbe potuto diventare un obiettivo. Il distretto di Kryvyi Rih nell’Ucraina centrale ospita diverse attività siderurgiche, tra cui alcune di proprietà di una delle holding di Achmetow, la Metinvest Kryvyi Rih.

Impatto finanziario su Achmetow

Secondo il Bloomberg Billionaires Index, il patrimonio netto di Rinat Achmetow è stato gravemente danneggiato dalla distruzione dei suoi beni. Il suo valore è sceso di circa il 40% a 6,93 miliardi di dollari dall’inizio della guerra. Nonostante questo duro colpo, Metinvest continua a pagare gli stipendi ai dipendenti che sono stati evacuati o sono fuggiti al sicuro e ha anche riscattato il proprio debito dal mercato dei capitali a causa del deprezzamento. Dall’inizio dell’anno, Achmetow ha trasferito circa 100 milioni di dollari al governo ucraino per aiutare a mantenere le riserve, sostenere le forze armate e svolgere missioni umanitarie. Il suo obiettivo al momento è sostenere le operazioni di emergenza.  

L’impatto economico più ampio

La produzione di acciaio e ferro nella regione è fondamentale per l’economia nazionale. A partire dal 2013, la produzione in questa regione rappresentava il 40% di tutto l’acciaio del paese. Il settore siderurgico rappresenta quasi il 10% del prodotto interno lordo del paese. Metinvest è anche il principale esportatore in altri stati europei. L’interruzione delle operazioni ha messo sotto pressione i vulnerabili mercati delle materie prime in Europa, che ora soffrono della carenza di forniture dall’Ucraina. Secondo l’amministratore delegato di Metinvest Yuriy Ryzhenkov, prima dell’invasione esportavano circa la metà di tutti i prodotti, diretti verso l’Unione Europea o verso il Regno Unito.

Andando avanti

Alla domanda di mrpl.city su come le sue aziende investiranno per il futuro, Rinat Achmetow assicura che è già iniziata una solida missione di ripresa.

“Abbiamo due priorità fondamentali: ripristinare il potenziale industriale e garantire l’indipendenza energetica.”

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Un violento satrapo che si lamenta della violenza di ritorno… Se ne stesse almeno zitto e muto il discepolo e poi maestro della legge del più forte.

Commenta