I sondaggi parlano chiaro e mettono in evidenza di come un trasloco possa rovinare la vita di una persona, stressandola sino al termine. Gestire un cambiamento di questo tipo non è facile, per questo motivo sarebbe sempre ottimo mettersi nelle mani dei professionisti del settore.

Che sia un trasloco privato o aziendale, tutto deve essere organizzato alcuni mesi prima per non essere divorati dallo stress. Ecco 8 consigli pratici da seguire per una esperienza positiva.

8 consigli per un trasloco senza stress

Il trasloco è una esperienza molto difficile da affrontare, per questo motivo il consiglio è di rivolgersi direttamente ad servizio di trasloco chiavi in mano per essere seguiti dalla A alla Z ed evitare ogni tipo di stress.

Oltre a questo, gli esperti regalano 8 consigli utili per svolgere un trasloco in armonia e senza alcuno stress:

  • 1) Scegliere le scatole

la prima scelta importante da fare nel momento in cui si organizza un trasloco verte sulla scelta delle scatole. Quelle pratiche hanno le maniglie e un fondo automatico, oltre che essere resistente ai pesi e pratiche da organizzare a seconda degli oggetti che devono essere trasportati. Non solo, ci sono delle pratiche tabelle laterali che offrono la possibilità di catalogare e identificare il contenuto delle scatole;

  • 2) Catalogare in maniera intelligente

Etichettare bene le scatole a seconda del contenuto è molto importante. Una volta che si arriva nella casa nuova si potrà trovare tutto con un solo colpo d’occhio e posizionarle già nello spazio a disposizione. Basterà scrivere sopra la scatola, con l’aiuto di un pennarello, tutto quello che contiene e la stanza di destinazione. Ognuno ha il proprio metodo, ma catalogare intelligentemente è importante per non avere alcuno stress;

  • 3) Salvaguardare i mobili

I mobili devono essere protetti dallo spostamento e dagli urti. Ci sono delle speciali fodere in plastica che proteggono il mobile completamente e fanno di certo la differenza;

  • 4) Protezione di piatti e bicchieri

Piatti, bicchieri e stoviglie sono le prime cose che si rompono durante il trasloco. Per evitare questo spiacevole inconveniente, il consiglio è di utilizzare gli appositi alveolari con interfalda in cotone – studiati appositamente per trasportare oggetti delicati che si rompono facilmente;

  • 5) Trasportare i vestiti nella scatola apposita

I vestiti durante un trasloco devono essere preservati e per non stropicciarli esistono delle pratiche scatole appendiabiti. Fungono da armadio viaggiante e sono ideali per i traslochi e per lasciare gli abiti in magazzino seppur per poco tempo;

  • 6) Organizzare i documenti importanti

Anche i documenti devono essere preservati al meglio, archiviandoli in apposite cartelline o contenitori multiuso. Una attenzione particolare ai documenti per il trasloco e nuova casa, da avere sempre a portata di mano e non riporre in uno scatolone;

  • 7) Usare la pratica scatola telescopica

Dove mettere le cose dell’ultimo momento che sono sfuggite? Nessun problema, perché esistono delle scatole telescopiche sviluppate in verticale utili per riporre gli oggetti o indumenti dell’ultimo minuto;

  • 8) Fare una stima delle tempistiche

L’ultimo consiglio è quello più importante ovvero organizzarsi al meglio, segnando tutto quello che c’è da fare. Spuntare man mano che si concluso uno step così da avere ancora meno stress.

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Su questo tema ho purtroppo esperienza diretta e conferme in tal senso indirette.
    I mobili medio-grandi, grandi, se non avete una barcata di denaro da buttare via e nel contempo spazio idoneo per il loro ricollocamento (evitate il ricovero che temporaneo non è quasi mai, se costoso, in box), lasciateli perdere, donateli a chi può eventualmente apprezzare o “bruciate” in un modo o nell’ altro tutti. Altrimenti é un bagno assicurato.
    Altra questione dovrebbe essere nell’ aziendale…

Commenta