Il Primato Nazionale mensile in edicola

renzi2Arezzo, 20 giu – Il caffé stamani nella casa Pd Toscana si beve amaro più che mai, con un retrogusto acre di macchia mediterranea: è caduta anche Grosseto. Nella rossa regione non gode neppure il gendarme Rossi, perché qua più che la resa dei conti interna ad un partito, che col nuovo corso leopoldino voleva rottamare le vecchie ruote del carrozzone, a segnare un’ingloriosa nemesi sono le conseguenze di politiche scellerate su immigrazione e sicurezza, oltre ad un sistema clientelare che si ritrova con i rubinetti chiusi dopo anni di vacche grasse. Finisce così tra i ferri vecchi una classe dirigente vecchia e nuova senza troppi distinguo volpini. Ai ballottaggi il Pd può esultare sono nella “città degli immigrati”, Altopascio, un comune della Lucchesia amministrato per venti anni da una giunta di centrodestra che nonostante i ripiegamenti dell’ultima ora ha attuato politiche di porte aperte all’immigrazione smantellando la sicurezza cittadina. Al 31 dicembre scorso erano residenti 2282 stranieri, il 15% circa della popolazione, con soli 9 agenti municipali per 15  mila abitanti. Soltanto pochi anni prima, quando la cittadina contava 9 mila abitanti, ne aveva 16 sul territorio. Ecco quindi che la mancanza di credibilità sui propri temi cardine la destra finisce per pagarla a caro prezzo.



Ma non sono mai le rondini a fare la primavera. Il dato che pesa più di ogni altro è la caduta delle stelle renziane nella roccaforte per eccellenza. Quell’esempio di buon governo tanto sbandierato e crollato sotto i colpi di scandali bancari, scelte lottizzatrici e nomine familistiche. E’ Arezzo che segna la disfatta del Pd, la provincia della Boschi e di Banca Etruria, decantata dagli aedi di Matteo come “la più renziana d’Italia”. Dopo aver perso il capoluogo e il comune chiave di Castiglion Fiorentino, milioni di euro di buco per un default scioccante targato Pd, adesso Renzi si ritrova senza Anghiari, Sansepolcro, Monterchi, Subbiano, Pieve Santo Stefano, Bibbiena e la stella polare valdarnese Montevarchi, con il nemico alle porte di casa Boschi. Ma non chiamatela Waterloo perché con Napoleone al massimo Renzi ha in comune una Sant’Elena malinconica.

Soltanto un anno fa gli appellattivi e gli accostamenti improbabili si sprecavano sulla stampa: Profeta, Tutankhamon, Re Sole, Napoleone, Matteo il Grande, Silvio II da Rignano. Adesso in provincia si sentono solo le battute sarcastiche nel classico stile aretino, i danteschi botoli ringhiosi voltano le spalle al premier che vien dall’Arno. Ma ad Arezzo non gode neppure il Movimento 5 Stelle, che non sfonda, anzi rimedia un clamoroso flop in controtendenza col dato nazionale. I pentastellati arrivano terzi, quando si presentano, in tutti i comuni della provincia. A vincere sono liste civiche e coalizioni che virano più a destra che al centro. Ne erano la prova probante Arezzo e Castiglion Fiorentino, lo sono anche gli altri comuni perduti dalla signoria renziana. Ad emergere su tutto è però la debacle di un premier mai così impopolare. Il giullare è nudo, che sia al tramonto è forse presto per dirlo, ma nella provincia di Petrarca e Michelangelo, tra Canzonieri e Pietà, già si odono le note di un triste requiem.

Eugenio Palazzini

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta