Il Primato Nazionale mensile in edicola

direzione pdRoma, 7 dic – Con 173 voti a favore il Senato, intorno alle 14 e 30, ha approvato la legge di bilancio sulla quale il governo ha posto la questione di fiducia. E’ l’ultimo atto dell’esecutivo Renzi, con il partito di maggioranza relativa chiamato ad un importante esame alle 17 e 30 quando in largo del Nazareno si terrà la direzione del Pd mai come quest’oggi carica di tensione. L’assemblea molto probabilmente prevederà il solo intervento del segretario di partito che definirà la linea da presentare al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Successivamente, alle ore 19 lo stesso premier Renzi si recherà al Quirinale per rimettere il proprio mandato come pattuito con il Colle lo scorso lunedì.

Sangue di Enea Ritter

Renzi alla direzione Pd chiederà di essere uniti sulla richiesta di un governo di responsabilità nazionale con la partecipazione di tutte le forze politiche, o in alternativa la scelta delle elezioni anticipate con l’attuale legge elettorale. Idea che Mattarella aveva già respinto: il Colle non gradisce di andare al voto con due leggi così diverse tra loro (l’Italicum alla Camera e il Consultellum al Senato). Proprio sull’Italicum peraltro è atteso il pronunciamento della Consulta che ha fissato la data al 24 gennaio.

Black Brain

Ma la direzione del Pd non sarà così semplice come preannunciata. Lo spettro di una scissione è sempre in essere. Pier Luigi Bersani non ha escluso che i renziani possano uscire dal partito per fondarne uno tutto loro. Sui social si stanno diffondendo le voci dell’arrivo di alcuni militanti dem intenzionati a contestare gli esponenti della minoranza che hanno appoggiato il No al referendum di domenica. Matteo Orfini di tutta risposta sta cercando di smorzare gli animi. In un suo post su Facebook si legge: “Ho visto qui sui social argomenti e slogan – per fortuna usati da pochi – che non mi piacciono. Capisco l’amarezza per quanto successo e per scelte che sono apparse incomprensibili ma un grande partito non chiede espulsioni e non organizza contestazioni“.

Il Partito Democratico appare come una tragicommedia greca dove al prologo stanno seguendo in sequenza numerosi altri atti. Il partito di maggioranza relativa che gode ancora oggi del favore di milioni di italiani, ha una minoranza al suo interno che non solo dissente dall’operato del suo segretario, ma che addirittura istituisce un semi comitato per votare contro le indicazioni del loro stesso partito. Le mille anime della sinistra italiana non hanno logica e forse per questo riescono ancora a stupire anche i più autorevoli politologi nostrani.

Giuseppe Maneggio

 

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta