Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 20 feb – La storia delle palme targate Starbucks in piazza Duomo, a Milano, è un piccolo caso politico, ma emblematico di tante cose. Che una multinazionale americana arrivi e si permetta di stravolgere non l’ultima aiuola di provincia, ma uno dei luoghi più conosciuti e significativi d’Italia, è cosa che si commenta da sé. Uno sfregio al paesaggio, che non è il “pittoresco” e neanche, in senso stretto, il “bello”, ma l’anima dei luoghi in cui si rispecchia un’identità. Gli argomenti in favore di palme e banani di fronte al Duomo sono vari. C’è chi ironizza sul fatto che il piatto tipico della tradizione meneghina sia il risotto allo zafferano, quest’ultimo derivato dalla parola araba zaafaran, che allude al colore giallo. È il tipico argomento semicolto. Peccato che esistano rappresentazioni dello zafferano databili al 3500 a.C. nel palazzo di Cnosso, a Creta (gli arabi, nelle loro invasioni, lo hanno solo riportato, l’Antichità lo conosceva già benissimo). Ma, soprattutto, non si capisce il nesso tra una un prestito culturale che si stratifica nel corso dei secoli e lo stravolgimento istantaneo di un luogo simbolico per volontà di una multinazionale statunitense. È come dire (e infatti lo dicono) che siccome 50mila anni fa l’uomo venne (forse) dall’Africa, allora è giusto oggi accettare l’immigrazione.

Starbucks piazza DuomoPiù modestamente, il Comune di Milano fa notare che palme in piazza Duomo si sono viste anche nell’Ottocento, quindi il loro sarebbe un “omaggio alla tradizione” (l’ha scritto davvero). Per dimostrarlo ha anche postato una foto sul profilo facebook del Comune, in cui in realtà non si vede nulla di simile a quanto sta ora avvenendo in piazza. Ci sono, sì, delle piante basse che potrebbero essere palme, ma dall’impatto estetico e simbolico totalmente differente. Ma, a parte il fatto che nell’Ottocento il Duomo aveva già 400 anni alle spalle, quindi parlare di “tradizione” per l’iniziativa di un’amministrazione di fine ‘800 è quanto meno arbitrario, la palma, in quel contesto, esprimeva esattamente un tipo di esotismo prettamente… ottocentesco, cioè coloniale (elemento di cui gli attuali amministratori di Milano non dovrebbero andare troppo fieri). Il riferimento letterario o estetico all’Africa, in quegli anni, rappresenta un luogo comune piuttosto frequente, del tutto inoffensivo, che non può essere paragonato al contesto di africanizzazione culturale e antropologica attualmente in corso. Quello che in un’epoca può sembrare graziosa stravaganza, in un’altra può diventare cedimento simbolico.

Ma, alla fin fine, il motivo per cui criticare questa bislacca iniziativa sembra proibito è un altro. Lo spiega lo scrittore Ivan Carozzi su Il Post, testata non accusabile di simpatie xenofobe: “Milano, credo, è la città che, nel big bang e nella trasformazione sociale degli ultimi cinque anni, ha partorito una nuova antropologia locale, cioè l’hipster lealista, pronto in ogni evenienza a omaggiare o difendere la propria giunta e il proprio sindaco”. E quindi “sulla piantumazione delle palme in piazza Duomo per l’hipster non ci sono stati dubbi: è un’altra manifestazione della Milano orgogliosa che osa – come ha detto il suo sindaco in un tweet – che ha visione e che ha voglia di cambiare (a differenza di Roma)”. Anche se l’autore non rinuncia a farsi delle domande: “Ma davvero nessuno trova disturbante che un marchio arrivi e squilibri fino a questo punto il paesaggio di un luogo, con un intervento dirompente e, fino al momento e alla forma attuali, assolutamente anodino e privo di vero charme e di funzione? Dov’è il senso filantropico reale e non pubblicitario protesta di CasaPound Milanodell’operazione? Dov’era la necessità?”.

immigrazione CasaPoundQuestioni che non sono passate per la testa della sinistra locale, schierata con la giunta e con Starbucks in modo talebano, con tanto di insulti a chi ha provato a protestare. Ecco quindi che i militanti di CasaPound che hanno organizzato un sit-in in piazza Duomo diventano “sacchi di immondizia” per Pietro Bussolati, segratrio del Pd milanese, tanto che Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche sociali, Salute e Diritti, invita a “chiamare Amsa” (la locale azienda dei rifiuti), mentre Rossella Muroni, presidente nazionale di Legambiente, li ha definiti “scimmie”. Ma com’è composta, umana e solidale, questa sinistra. Tutta impegno e frappuccino, antirazzismo e multinazionali, solidarietà e globalizzazione. Tutta Africa e Usa, ma mi raccomando: niente più Italia.

Adriano Scianca

4 Commenti

  1. Infatti quelli che hanno dato fuoco alle palme hanno fatto male, ma proprio male: non hanno usato abbastanza benzina!

  2. Distruggono i popoli europei tramite invasione di massa, europei cittadini di serie b nei loro stessi paesi e l’inquisizione ti condanna per razzismo se non accetti tutto questo.

Commenta