Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 22 nov – Siamo a Piazza Pulita, la trasmissione condotta dal giammai imparziale Corrado Formigli (basti pensare al teatrino messo in opera sulle Sardine nel corso della medesima trasmissione). Ospite in collegamento il vicedirettore de La Verità Francesco Borgonovo e, in studio, David Parenzo.

Adam, una storia di immigrazione

I due giornalisti iniziano immediatamente a battibeccare. Pomo della discordia è Adam, una storia di immigrazione, la prima graphic novel italiana sul tema dell’immigrazione di cui Borgonovo, è autore. Naturalmente, il fumetto frutto di una collaborazione Ferrogallico e La Verità è lontano anni luce dai cliché petalosi sull’immigrazione e questo proprio non va giù al buon Parenzo.

Parenzo: “Cambia mestiere”

“Una storia di immigrazione” così canzona Parenzo il collega, ripetendo il claim della graphic novel. “Esatto. Non ci sono state storie di immigrati in questo Paese che hanno ucciso delle persone?” risponde Borgonovo puntualmente. Ma Parenzo è inarrestabile: “Belle, belle parole, belle immagini” grida. “Neppure La difesa della razza  fece tanto” attacca Parenzo con la consueta “misura”. “Questa è immondizia!” continua rivolto alle telecamere. “Neppure La difesa della razza” ribadisce Parenzo “almeno sapevano disegnare meglio!”

Borgonovo demolisce Parenzo

Borgonovo non si scompone. “Dimmi di che cosa parla, visto che non  lo hai letto”, risponde. Formigli cerca di calmare gli animi: “Credo parli di Kabobo, non lo so perché non l’ho letto”. “Normalmente, chi censura i libri senza neppure averli letti” commenta Borgonovo “fa parte di un regime”. “Si ma così si associa l’immigrazione al sangue” commenta Formigli, che va in soccorso alla grama figura rimediata da Parenzo. “Si chiama “una” storia di immigrazione” ribatte Borgonovo.

Parenzo l’isterico

“Ci sono migliaia di documenti in Italia che parlano di storie al contrario di immigrazione”, continua il vicedirettore de La Verità. “E se lo leggi capisci anche di cosa parla” ribadisce, mettendo a tacere le proteste di Parenzo. “Troverei un altro modo per guadagnarmi da vivere, un modo onesto” dice ancora il giornalista a Borgonovo, uscendo completamente dal seminato. “Si, tipo fare il pagliaccio a La Zanzara” lo asfalta Borgonovo. Non c’è che dire, il match lo ha vinto il giornalista de La Verità; Parenzo evidentemente la sua verve comica solo per il pubblico de La Zanzara perché qui ha dimostrato solo una incipiente isteria.

Ilaria Paoletti

9 Commenti

  1. sai qual e’ il problema “ilaria paoletti” ? che fate CAGARE e che con le vostre stronzate AVETE ROTTO I COGLIONI.

  2. Herr ettore

    perché non legge giornali a lei graditi ? Corrierone , repubblichetta di debenedetti …. ivi troverà conforto alle sue idee , se idee vogliamo chiamarle , lei mi pare una sardina (pesce in barile)
    vada per la sua strada e NON ROMPA I COGLIONI a chi vuol leggere
    i pregevoli articoli di Ilaria .

    • Beh, SergioM, lei legge questa merda che non si può neanche definire giornale: se le cacassi in bocca la renderei più edotto.

      FASCISTI DI MERDA.

  3. Chi ha scritto questo articolo??? Dal video si vede tutt’altro. Un Borgonovo in totale difficoltà. Poveraccio lui e chi da false notizie

  4. Sergio M.. vai al CEPU che ti insegnano a fare la O col bicchiere.. Borgonovo era un calciatore acchiappa come il giornalista.. stesso valore dei loro lettori…

  5. Parenzo è stato definito dal suo direttore, Barisoni, a radio24 “un furetto senza dignità, pagato per essere insultato”. Che altro dire?

Commenta