Perugia, 28 ott – E’ un Matteo Salvini raggiante e gongolante, quello che già a meno di un’ora dalla chiusura dei seggi in Umbria dichiara “a occhio mi sembra che abbiamo fatto un’impresa storica“. Con l’arrivo delle prime proiezioni il dato si consolida e quando la schiacciante vittoria del destra-centro alle regionali umbre è ormai un dato acquisito, il leader leghista rivolge subito un pensiero al presidente del Consiglio: “E’ una lezione di democrazia che si ricorderanno. Un presidente del Consiglio che dice che un voto dell’Umbria conta meno che niente è un omino”. Il riferimento è ovviamente alle dichiarazioni del premier di qualche giorno fa, quando fiutando l’aria di sconfitta aveva liquidato il voto umbro paragonandolo alla provincia di Lecce.

Salvini parla di Conte come di un “omino”

In diretta da Perugia, che storica serata, Amici!

Publiée par Matteo Salvini sur Dimanche 27 octobre 2019

In nottata Salvini rincara la dose in un post su Facebook: “Domani il primo giornale che leggerà il presidente del Consiglio sarà il Corriere dell’Umbria, ma il secondo sarà il Financial Times…‬Qualcuno a Palazzo Chigi, dovessero essere confermati questi dati, dovrebbe sentirsi abusivo”. Il riferimento è ad un articolo del giornale inglese, che rivelerebbe il ruolo di Conte come consulente per un fondo finanziario indagato dal Vaticano per corruzione. Tra debacle elettorale e futuri guai per il presidente del Consiglio, per Salvini l’esperienza di governo giallofucsia è già giunta al capolinea: “E’ un avviso di sfratto al governo, ad un esecutivo che non rappresenta il popolo italiano. Non penso che possano andare avanti per molto”.

Salvini: “Il governo ha i giorni contati”

Publiée par Matteo Salvini sur Dimanche 27 octobre 2019

In caso di caduta del governo l’ex ministro dell’Interno mette già in guardia da possibili ulteriori manovre di palazzo: “Se cade il governo, l’unica alternativa è il voto. Non è rispettoso né della Costituzione, né degli italiani. Mi rifiuto di pensare ad altre alternative a questo governo che non siano gli italiani con il voto”. Intervistato da Radio 24 gli chiedono di una possibile riedizione dell’alleanza con Di Maio e il Movimento 5 Stelle: “Ma figurati!, non so chi abbia scritto questa sciocchezza, ma è l’ultima cosa a cui penso”.

Davide Di Stefano

1 commento

  1. MI dispiace per il genere maschile ma salvino non ha la caratura della Meloni, infatt scrivo il nome in minuscolo. La lega è banda di comunisti dal volto travisato, bagnai era il radicalchic che si è infiltrato ha confuso il rosso sarà daltonico. L omino barbapapa’, sta giocando sulle disgrazie della nazione. Contano i fatti e di fatti il troll non ne ha fatti.

Commenta