Roma, 4 mag – Ha tentato di mandare in bancarotta l’Italia negli anni ’90, ma che vuoi che sia, si sa che i nostri governanti non serbano rancore. Ecco quindi che il “filantropo” George Soros può venire accolto a Palazzo Chigi da Paolo Gentiloni con la massima cordialità. Incontro “discreto”, ovviamente, di cui poco si sa. Che c’entri il grande business dell’accoglienza, in cui il magnate è ampiamente coinvolto? Secondo le indiscrezioni giunte alla stampa, in realtà, Gentiloni avrebbe incontrato Soros nel tentativo di “cercare investitori”. Ma certo: come rilanciare l’economia se non rivolgendosi al protagonista delle speculazioni che nel 1992 causarono una svalutazione della lira del 30% e la dissipazione di 40mila miliardi di lire di riserve valutarie della Banca d’Italia? È come invitare un pedofilo per progettare campagne per l’infanzia.

In realtà pensare proprio al 29° uomo più ricco al mondo per Forbes, con un patrimonio di 25,2 miliardi di dollari, è stato naturale, visto il ruolo che ricopre: non solo fondatore di Quantum Group of funds, collegato anche ai Rothschild, ma, soprattutto, advisor di Blackrock, la più grande società di investimento al mondo. BlackRock, fra l’altro, è azionista rilevante della Deutsche Bank e lo era anche nel 2011, quando, annunciando la vendita dei titoli di Stato italiani, l’istituto tedesco fece esplodere lo spread tra Btp e Bund causando la “resa” di Berlusconi e l’avvento di Monti. Non dimentichiamo, poi, che Blackrock è nel capitale di due delle maggiori agenzie di rating, Standard & Poors (5,44%) e Moodys (6,6%), con la possibilità di influire sulla determinazione di titoli sovrani, azioni, e obbligazioni private e di poter incidere su prezzo e valore delle attività che essa stessa acquista o vende.

Se ricordiamo bene il ruolo delle agenzie di rating nella caduta del Cav (in cui, peraltro, a infierire contro l’Italia furono soprattutto Standard& Poors e Moodys, piuttosto che Fitch, la terza agenzia), il puzzle si completa: le stesse persone che fungono da arbitro e da giocatore. E, dopo la crisi indotta, chi fu che venne a “salvare” l’Italia? Ma Blackrock, ovviamente, che oggi ha partecipazioni per quasi 2 miliardi nel sistema bancario italiano, ma anche nelle società quotate sul listino principale, a partire da Eni, Enel, Generali, Telecom Italia, Mediaset e così via. Ecco per conto di chi viene a parlare Soros. E se tutto questo vi sembra anormale, è ovvio che siete dei complottisti…

Giorgio Nigra

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

3 Commenti

  1. Io penso che se vivessimo in una nazione, esagero… in un mondo con ancora un residuo di dignità questo signore dovrebbe essere arrestato e fucilato seduta stante per crimini contro l’umanità…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here