Roma, 14 feb – Regolamentare la prostituzione con l’iscrizione a un “albo” professionale. E’ questo il progetto di legge di iniziativa statale arrivato in Consiglio regionale del Veneto, che prevede quindi l’istituzione di appositi registri comunali con i dati anagrafici di chi pratica il cosiddetto “mestiere più antico del mondo”. Il pdl, a firma di Antonio Guadagnini (Siamo Veneto) arriverà oggi all’attenzione della commissione sanità del Consiglio. Lo riferisce Il Gazzettino. Un programma che arriva alcuni giorni dopo quello presentato dalla Lega, di respiro nazionale, di legalizzare la prostituzione e riaprire le “case chiuse”, con un disegno di legge presentato a Palazzo Madama lo scorso 7 febbraio dal senatore Gianfranco Rufa.

Sanità, previdenza, fisco

Il progetto contempla anche la possibilità di esercitare la professione in “forme associate” ma tassativamente senza turbare “la quiete, la sicurezza, e l’ordine pubblico”. Divieto assoluto di praticare sesso a pagamento per strada o comunque in luoghi pubblici e obbligo di pagamento degli oneri per sanità, previdenza e fisco. Le prostitute dovranno anche essere munite di un certificato di idoneità sanitaria e garantire la massima riservatezza ai clienti.

Misure sanitare

La proposta di legge abroga di fatto i primi due articoli della legge Merlin e prevede la possibilità di esercitare la prostituzione in case private. Sono previste multe da mille a diecimila euro per chi esercita la prostituzione in luogo pubblico. Rincarate le pene per chi favorisce o sfrutta la prostituzione minorile. Infine, sono molte le misure “di carattere preventivo e sanitario” contenute nel disegno: “Chiunque esercita la prostituzione – si legge – è tenuto a sottoporsi ad accertamenti sanitari ogni sei mesi e a esibire, a richiesta dell’autorità sanitaria o di polizia, l’ultima certificazione sanitaria ottenuta”.

Cristina Gauri

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedentePontedera, il Tar smentisce il sindaco Pd: la sede di CasaPound può aprire
Articolo successivoAlitalia, Di Maio: “Mef e Fs potrebbero superare il 50% del capitale”
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

1 commento

  1. La prostituzione oggi è quasi totalmente straniera,Innanzitutto andrebbero rimandati tutti al proprio Paese per arginare la fuga di capitale che esce dal ns. Paese e sono tantissimi soldi. Poi si, aprire le case chiuse per la prostituzione italiana facendo attenzione soprattutto alla salute sia per la prostituta che per il cliente.

Commenta