Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 20 nov – Se la magistratura indaga Berlusconi o Salvini è un baluardo della democrazia, se invece le accuse sono rivolte all’immigrazionista Mimmo Lucano o alle Ong allora si tratta di una azione persecutoria. A sinistra l’operato delle procure è sempre più oggetto di interpretazione a seconda dell’opportunità politica e il caso del sequestro della nave Aquarius per traffico illecito di rifiuti infettivi non fa eccezione. E così è direttamente il presidente del Pd, Matteo Orfini, a guidare la cordata dell’indignazione contro il provvedimento: “Qualcuno alla procura di Catania sembra aver deciso che le ong sono un pericolo per la sicurezza del paese. E quindi le si accusa di qualunque cosa. Poi tutto viene archiviato, ma il danno è fatto. Resto dell’idea che chi lotta per salvare vite umane vada ringraziato #Aquarius”.




Del resto perché indagare sullo smaltimento illecito di 24 tonnellate di rifiuti infettivi (tra cui garze intrise di sangue e siringhe), con conseguente risparmio di costi per la Ong per un profitto parti a 460mila euro? Reati da condonare a chi “salva delle vite umane”. Questa è più o meno la tesi difensiva degli autorazzisti di sinistra, almeno a giudicare dalle parole di Erasmo Palazzotto, deputato di Sinistra Italiana: “Quella della Procura di Catania è un’azione persecutoria e ideologica volta a colpire sistematicamente le Ong. È l’ennesima inchiesta priva di fondamento utile soltanto alla diffamazione ed alla criminalizzazione di chi opera nell’umanitario”.
La sinistra risponde con l’automatismo della presunta “superiorità morale” e vive l’indagine del Pm Zuccaro di Catania come un atto di lesa maestà: “Siamo assolutamente sorpresi e indignati. Si accusa che da cinquant’anni salva vite in 72 paesi del mondo, che ha ricevuto un Nobel per la pace, di avere messo in piedi un’organizzazione criminale finalizzata al traffico illecito di rifiuti”, commentano i vertici di Msf. Non poteva mancare anche la difesa d’ufficio di Gad Lerner: “Questa guerra congiunta italo-libica contro i migranti e contro chi presta loro soccorso verrà ricordata un giorno tra le pagine più vergognose della nostra storia. Un marchio d’infamia su chi la fomenta, un nuovo motivo di risentimento per gli africani”.
Concludiamo con le parole di uno dei nuovi guru della sinistra fintamente “pane e salame”, Chef Rubio, che per una volta accantona il romanesco per limitarsi ad un semplice turpiloquio: “Strano.. proprio il giorno dopo #LaTerradeiCuori! Quindi oltre che a rubarci il lavoro e scoparci le donne, sti criminali dalla pelle bruna vengono a smaltire le loro tossine nei NOSTRI Mari? Disonorevole Matteo Salvini “Ho fermato il traffico di rifiuti”? Non hai fatto NULLA”.
Davide Di Stefano

Black Brain
Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Comunisti ignobili ed indegni……… Quasi peggio della infame feccia negroide che proteggono e sovvenzionano………l’Italia grazie alla vostra opera codarda e vigliacca è divenuta una latrina islamico africana in cui un bastardo nigeriano vale di più di una ragazza italiana fatta a pezzi e messa in una lurida valigia………… Fate pena e schifo.

Commenta