Roma, 16 gen – Matteo Messina Denaro è stato arrestato. Finisce, dopo trent’anni, la latitanza del boss e del capo supremo di Cosa Nostra, come riporta l’Ansa.

Matteo Messina Denaro, l’arresto

Matteo Messina Denaro è stato catturato dai carabinieri del Ros, come si apprende da fonti qualificate. Il capomafia di Castelvetrano è stato rintracciato grazie a un’operazione coordinata dal procuratore di Palermo Maurizio de Lucia e dal procuratore aggiunto Paolo Guido. Il luogo in cui il latitante sarebbe stato colto di sorpresa dovrebbe essere una clinica privata di Palermo.

Trent’anni di latitanza e tante domande

È stato inseguito per tanti, troppi anni. Molti di più dei suoi predecessori Totò Riina e Bernardo Provenzano, quanto meno alla guida della storica organizzazione criminale. Nel 2021 c’era stato anche un blitz di generose dimensioni, organizzato nel tentativo di catturare definitivamente il capomafia, andato però a vuoto, nonostante l’alto numero di perquisizioni dirette a soggetti sospettati di essere suoi fiancheggiatori, soprattutto tra le famiglie trapanesi e agrigentine. Era anche spuntato un video, all’epoca, che ritraeva il boss in automobile, proprio in provincia di Agrigento. Sulla storia di Messina Denaro molto si è speculato, soprattutto per il suo stile di vita decisamente troppo “godereccio”, che non si capisce bene come gli abbia permesso di sfuggire alle autorità per così tanto tempo.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

Commenta