Il Primato Nazionale mensile in edicola

Firenze, 25 set – È allarme stupri in tutta Italia. Una studentessa è stata violentata a Firenze e il suo presunto stupratore, un romeno senza fissa dimora, è stato fermato il giorno dopo. Ma questo è solo l’ultimo caso di una serie di violenze che prendono di mira donne di tutte le età. Solo a Milano, ad esempio, sono 4 gli stupri denunciati nell’ultimo mese, sui quali si indaga. Nella quasi totalità dei casi gli autori delle violenze sessuali sono immigrati.
Nel caso di Firenze lo stupratore ha 25 anni e si chiama Mustafa Arnaut. È stato possibile risalire alla sua identità poiché l’uomo ha lasciato sul luogo dove ha consumato la violenza sessuale un marsupio con dentro i documenti. Il romeno è un personaggio già noto alle forze dell’ordine, che lo hanno rintracciato in uno stabile abbandonato della città poco lontano dal luogo dove è avvenuto lo stupro, che si ritiene essere il luogo dove probabilmente vive.
I fatti si sono svolti nella notte tra domenica e lunedì. La giovane, una 21enne originaria della Mongolia ma residente in città per motivi di studio, è stata picchiata e violentata alla periferia sud della città. Mentre stava camminando su una rampa sotto il viadotto del Varlugno, per raggiungere la casa di un’amica, le si sarebbe avvicinato l’uomo che prima l’ha presa a pugni, poi l’ha trascinata per i capelli e infine l’ha violentata. In quella stessa zona nel giugno scorso una 36enne giapponese venne aggredita, violentata e rapinata mentre faceva jogging.
In entrambi i casi, Milano e Firenze, viene il sospetto, viste le analogie, che a colpire siano violentatori seriali. A Milano, dove l’autore degli stupri è rimasto ancora ignoto, si segue la pista de dna. Dati recenti parlano di numeri allarmanti. Delle persone denunciate e arrestate nell’ultimo anno per reati a sfondo sessuale 76 sono di nazionalità romena, 154 sono marocchini, 67 nigeriani, 58 albanesi e 56 tunisini oltre a 143 uomini di cui non è stato possibile accertare la nazionalità. Inoltre, rispetto ad altri reati la percentuale di stranieri che commette queste violenze è molto più alta.
Anna Pedri
 

2 Commenti

  1. proprio ieri in televisione c’era una specie di giornalista bionda (credo si chiami Costamagno o qualcosa del genere) che di fronte all’aberrante numero degli stranieri in carcere asseriva trattarsi di persone ingabbiate per sola colpa del reato di immigrazione clandestina…

Commenta