Santiago del Cile, 23 ott – “Chiedo perdono per non aver compreso per tempo il malessere sociale“. Il presidente del Cile Sebastian Pinera ha chiesto perdono ai suoi connazionali per non aver compreso la situazione nelle sue reali dimensioni ed ha annunciato la creazione di “un’agenda sociale” che include, tra le altre misure, l’aumento del salario minimo. “I diversi governi non sono o non siamo stati capaci di riconoscere questa situazione in tutta la sua grandezza. Questa situazione di iniquità, abusi, che ha comportato un’espressione genuina e autentica da parte di milioni di cileni. Ammetto questa mancanza di visione e chiedo perdono ai miei compatrioti”, ha dichiarato in conferenza stampa. Pinera ha quindi proposto la creazione di un tavolo di lavoro per “perfezionare ed accelerare” diverse iniziative di “una nuova agenda sociale”. Tra le misure in programma l’aumento del salario minimo da 300 mila a 350 mila pesos al mese.

Il dietrofront dopo le violente proteste e le devastazioni

Pinera fa dietrofront quindi dopo il rincaro dei biglietti della metropolitana, misura introdotta e annullata per la dura e violenta risposta popolare che ha provocato 15 morti, centinaia di feriti, un migliaio di arresti, la distruzione di decine di stazioni della polizia e stazioni bus e metro, la mobilitazione di quasi 8 mila militari. L’annuncio del presidente cileno arriva dopo che la convocazione dei leader dei partiti, anche d’opposizione, per trovare misure urgenti per arginare la crisi, era finita in un nulla di fatto. A questo si era aggiunto lo sciopero generale indetto da 20 sigle sindacali e sociali. E quindi Pinera è passato dal dire “siamo in guerra contro un nemico potente e implacabile e organizzato” ad annunciare il decalogo di riforme economico-sociale “che ascoltano le richieste della gente” e puntano a “ristabilire rapidamente la normalità” nel Paese. Tra le dieci misure sociali, molte delle quali riguardanti le pensioni che sono fra le più basse al mondo, s’interverrà anche per ridurre il costo delle prestazioni sanitarie e dei farmaci e per creare un’imposta sulla ricchezza.

Ludovica Colli

1 commento

  1. Ignoro la situazione Cilena , ma …. AVERE un Pinera in Italia , in grado di cambiare
    la politica se NON corrisponde alla situazione del Paese .

Commenta