Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 18 lug – Saviano: il recidivo. Sì, ancora lui e sempre lui: mai pago, mai soddisfatto (evidentemente) delle sue stesse, purulente, idiozie. Dopo le consuete calunnie rivolte a CasaPound per uno striscione, oggettivamente inattaccabile, Mister Gomorra rincara la dose: già, al peggio non c’è limite. E questo, Saviano, ce lo ricorda sempre: puntuale, come un orologio svizzero.
Uno dei bersagli prediletti “nostro” cantastorie è di certo Matteo Salvini. Oltre alla sfilza di epiteti (neppure Omero avrebbe osato tanto), si è aggiunta nelle ultime ore una autentica diffamazione. Con un post Facebook, allude (non certo velatamente) ad una
pseudo perversione. Declinando, ad hoc, un certo fare funesto. Una certa forma di pedofilia. Giudicate voi: “Assassini! Ministro della mala vita, sui morti in mare parla di
‘bugie e insulti’, ma con quale coraggio? Confessi piuttosto: quanto piacere le dà la morte inflitta dalla guardia costiera libica, sua (mi fa ribrezzo ‘nostra’) alleata strategica? Lei che
sottolinea continuamente di essere padre, da papà quanta eccitazione prova a vedere morire bimbi innocenti in mare? Ministro della mala vita, l’odio che ha seminato la travolgerà. Come travolgerà gli imbelli a 5stelle, e tra di loro l’impresentabile
Toninelli, sodale del ministro degli Interni in questa tetra esaltazione della morte degli ultimi della terra”.
Avete letto bene: “Eccitazione per la morte in mare di  bimbiinnocenti”. Servono commenti? Certo che no. Del resto, eguagliare lo squallore di Roberto Saviano è impresa titanica. Missione impossibile. Augurando l’estinzione delle Savianiane oscenità, che si agisca per vie legali. E quanto prima, possibilmente.
Chiara Soldani

3 Commenti

  1. Saviano è un traditore del popolo italiano, che per di piu’ gli paga la scorta per fare il fighetto perseguitato.Peccato che nessuno gli muova il reato di alto tradimento(è penale e và dai 5 anni in su’) e di abuso della credulità popolare per le menzogne che dice

  2. Questo tuttologo del niente e del nulla dovrebbe essere accusato di tradimento e di infamia contro il popolo italiano………. Cosa sarebbe successo se un giornalista di destra avesse detto a minnito e gentilone di essere i mandanti e gli assassini di Pamela e di pianificare la morte del popolo italiano????? La magistratura avrebbe già provveduto all’arresto mentre il comunistello sarviano parla e straparla………..la dittatura comunista puzza dalla testa……..auguroni.

Commenta