Il Primato Nazionale mensile in edicola

Genova, 17 ago – Orrore a non finire in una Genova distrutta e lacerata dal dolore. Non bastavano i morti, non bastavano gli sfollati, non bastava una città tagliata in due. Ci si sono messi anche gli sciacalli. Tre zingare, sinti originarie di Torino, sono state arrestate mentre si apprestavano a rubare nelle case che i residenti sono stati costretti ad abbandonare dopo il crollo del Ponte Morandi.
Le tre, rispettivamente di 18, 36 e 45 anni, si trovavano in via San Donà del Piave, sul Polcevera, sulla sponda opposta di via Fillak dove ci sono i palazzi sfollati. Anche quell’area è interessata al crollo del Ponte ed è stata sgomberata per il pericolo di altri crolli e cedimenti.
Tutte sono state arrestate: quelle di 36 e 45 anni sono state condannate e portate nel carcere di Pontedecimo, mentre la sinti diciottenne ha ricevuto la misura del divieto di dimora a Genova con obbligo di firma a Torino dove risiede.
Sono oltre 600 gli sfollati a Genova, costretti ad abbandonare le loro abitazioni in fretta e furia nei momenti subito dopo il crollo del Ponte Morandi. Le loro case verranno quasi sicuramente distrutte, è troppo pericoloso vivere lì. In queste ore i residenti stanno a poco a poco rientrando nelle case insieme ai Vigili del Fuoco, per prendere i loro beni. Devono decidere in pochi minuti cosa salvare della loro vita.
In questa drammatica situazione è subito scoppiato il problema dello sciacallaggio. E le tre zingare sono solo le prime a essere state scoperte e arrestate. È da martedì sera, quando era ormai chiaro che le persone non avrebbero più potuto far ritorno nelle loro case per la notte, che le forze dell’ordine stanno presidiando in forze, 24 ore su 24, le zone coinvolte dal crollo e soprattuto le abitazioni sfollate in via Fillak e via Porro proprio per evitare che gli sciacalli derubino le famiglie sfollate dopo la tragedia.
Anna Pedri
 
 

3 Commenti

  1. ma è una Bufala ! gli zingari rubano? ma nooo…daai…impossibile! la sboldra dice sempre che si sono perfettamente integrati e sono Italiani a “tutti gli effetti” ! ! !

Commenta