Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 26 apr – Cosa succede quando un “prete rosso” si accorge che la Santa Pasqua cade nella stessa settimana del 25 aprile? Innanzitutto festeggia, poi disegna una vignetta in cui fa cantare Bella Ciao a un Gesù Cristo appena uscito dal Sepolcro, fresco di resurrezione. L'”ideona” è venuta a Don Giovanni Berti, parroco di Moniga del Garda (Brescia), famoso sui social per le sue posizioni pro-immigrazione e antisalvini, e perché è solito corredare i suoi post su Facebook con delle vignette di sua produzione. Tra cui quella incriminata.

Ma il disegno in questione è materiale che potremmo aspettarci da un mangiapreti come Vauro, – che ricordiamo, fu anche condannato a tre mesi per vilipendio alla religione cattolica – sicuramente non da un parroco. Il sacerdote ha così commentato sul Gazzettino: “Pasqua di resurrezione e di liberazione dalla morte e da tutte le sue manifestazioni: guerra, odio, persecuzione, divisione, razzismo, distruzione”. La divisione e l’odio, un po’ come quelli che crea proprio la giornata del 25 aprile, in primis proprio tra chi lo festeggia: si veda le contestazioni della Brigata Ebraica da parte dei centri sociali a Milano, o gli antifascisti che fischiano la Raggi, anch’essa antifascista, a Roma. Don Berti prosegue: “il 25 aprile celebra per la nostra nazione italiana la libertà ritrovata e l’inizio di un cammino mai terminato di liberazione… come mai concluso è il cammino di liberazione dell’umanità iniziato la mattina della resurrezione di Cristo…”. Infatti sono la stessa cosa, i partigiani e Gesù, specialmente nel settore “stupri, fucilazioni, saccheggi”. Tra i seguaci del Don c’è chi approva la vignetta: “Grande Gioba, di grande estro sempre”. Oppure: “Il cristianesimo che mi piace, grande!!”. Ma c’è anche chi decisamente storce il naso e non ci sta al paragone: “Fare meno politica ironica ed essere più Cristiani sarebbe l’ideale. Il Bella Ciao lo dovresti cantare al demonio“. E anche: “Non vedo quale invasione stiamo subendo se non quella dell’immigrazione islamica anche grazie a Soros. Questa Bella Ciao la canterei per questa situazione che si è creata grazie alla sinistra buonista e che Salvini ha stoppato grazie al decreto sicurezza”. “Se posso essere sincera – rincara un’utente Facebook – a me queste vignette non piacciono per niente”.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Non sono pochi oramai i preti eretici che appoggiano sodomiti, musulmani e sgherri di Stalin che trucidarono molti innocenti con la scusa della vittoria sul fascismo del 25 Aprile.Serve un totale cambio di passo e di nuovi preti seguaci di Cristo che purtroppo non puo’ venire dal globalista “el papa”, che quando dice che il Dio di tutte le religioni è unico commette una enorme eresia dato che gli Dei delle altre religioni non riconoscono Gesu’ come loro figlio e danno regole completamente diverse.Infatti per il Dio musulmano puoi lapidare la donna che tradisce e per il Dio nella bibbia esoterica satanica del talmud dei sionisti puoi uccidere i non ebrei (detti ngoyim) sin da piccoli se non utili alla “razza eletta” poiche sono gente senza anima come gli animali.Abbiamo ben visto proprio questo atteggiamento mentale nel genocidio dei palestinesi inermi e dei loro bambini e nel furto della loro terra.
    Fortunatamente la speranza per gli ebrei sta’ nella bibbia Torah seguita dagli ebrei tolleranti contrari alla inumanita’ dei sionisti e che alla fine avranno il sopravvento poichè la tolleranza è fondamentale ad un vivere civile comune tra diverse religioni

Commenta