Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 12 dic – “Oggi è una bella giornata, abbiamo vinto e portiamo a casa una sentenza importante che dimostra come il tribunale politico messo su contro di noi non avesse motivo di esistere“. Il leader di CasaPound Gianluca Iannone esulta per la sentenza del Tribunale civile di Roma che ha accolto il ricorso presentato dal movimento in seguito alla disattivazione della pagina ufficiale Facebook avvenuta il 9 settembre scorso e ha pertanto ordinato al social l’immediata riattivazione della pagina.

“Riconosciute le nostre ragioni, chiusura era pretestuosa”

“Il Tribunale civile ha riconosciuto le nostre ragioni“, spiega Iannone. “Ora tutte le nostre pagine andranno riattivate altrimenti ci sarà una multa di 800 euro per ogni giorno di mancata riattivazione. E’ una vittoria importante – ribadisce il leader di CasaPound – perché si era trattato di una chiusura pretestuosa nei confronti di un movimento che ha rappresentanti eletti nei consigli comunali con il simbolo della Tartaruga frecciata. Questa è una vittoria di CasaPound e di tutto un mondo politico non allineato“.

Adolfo Spezzaferro