Roma, 2 dic – La casa di carta è solo una serie tv? A quanto pare, è diventato addirittura uno stile “di lavoro”. A Torino tre persone sono state arrestate per una rapina in banca. E a quanto è emerso, si erano ispirate alla popolare serie televisiva.

La casa di carta torinese

I tre rapinatori avevano deciso di ispirarsi alla serie tv spagnola La casa di carta, come ha riportato Tgcom24. E come avevano sviluppato questa “ispirazione”? Anzitutto, utilizzando i nomi dei protagonisti. I rapinatori infatti si chiamavano tra di loro utilizzando i nomi dei personaggi: e dunque c’è un “professore”, c’è un “Helsinki”,  che sono i due pregiudicati finiti in manette a Torino. È stata arrestata anche una donna, che aveva funto da palo durante una rapinta a Milano.

Le accuse e i fatti

La prima accusa a carico dei tre è una rapina in banca, avvenuta a Milano nel mese di settembre. Per i due uomini, di 43 e 73 anni, la Procura di Milano ha chiesto al tribunale l’arresto in carcere, mentre per la donna (53 anni, anch’ella torinese) gli arresti domiciliari. Il 22 settembre i due uomini, travestiti, erano entrati in una banca di via delle Forze Armate, all’angolo con via Rismondo, e con l’ausilio di una pistola avevano minacciato e preso in ostaggio i dipendenti e i clienti per una buona mezz’ora, racimolando circa 320mila euro.

Successivamente, si erano allontanati dalla banca, su un’automobile guidata dalla donna che li aspettava fuori. I due uomini, inoltre, erano stati arrestati insieme ad un altro complice il 2 novembre, per una tentata rapina aggravata in un’altra banca. Durante le perquisizioni nei domicili, gli investigatori hanno trovato 56mila euro. E ne sono stati sequestrati altri 40mila custoditi dalla donna in una cassetta di sicurezza.

Alberto Celletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta