Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 19 nov – La Regione Lazio ha stipendiato i cosiddetti volontari che hanno prestato servizio nel centro Baobab, il cosiddetto “collettivo dell’inclusione dei migranti”, che tradotto altro non è se non un accampamento abusivo di immigrati irregolari, che la scorsa settimana è stato sgomberato per la 22esima volta.
Come ha spiegato Il Tempo, un accesso agli atti compiuto da Roberta Angelilli, consigliere regionale di centrodestra, ha rivelato che la Regione Lazio in totale ha stanziato quasi mezzo milione di euro per Baobab Experience e per altre associazioni analoghe legate al mondo della sinistra e dei centri sociali.
Il consigliere, sulla vicenda, ha presentato una interrogazione. Ma soprattutto a essere scandalizzati dal fatto che la Regione ha mantenuto gli attivisti che per anni hanno portato degrado nella zona vicino alla stazione Tiburtina a Roma, sono i cittadini. “Come si può finanziare chi negli anni ha dato aiuto e riparo a latitanti, rapinatori, spacciatori, trafficanti e stupratori?” ha scritto in una nota il Comitato Cittadini Stazione Tiburtina, che ha definito una “follia” lo stanziamento di tali fondi.
Nel dettaglio, dagli atti emerge che oltre il 70% dell’importo totale di ogni finanziamento andrebbe a coprire le “spese di personale”, in particolare quelle relative ai compensi soci fondatori e i componenti del direttivo di Baobab. Tradotto in cifre, i volontari, che tanto volontari non sono, si sono portati a casa un totale di quasi 200 mila euro in stipendi. Gli altri fondi, si legge, servirebbero a finanziare progetti che includono “prima accoglienza, orientamento, assistenza sanitaria e legale, formazione professionale e linguistica” per i migranti transitanti, da erogarsi anche all’interno delle cosiddette “reti informali”. Ma dal momento che la maggior parte degli stipendi è per i fondatori del collettivo, si evince che le persone in questione non hanno i titoli adatti a svolgere le mansioni assegnate
Insomma, il Pd, che governa la Regione Lazio, ha per anni finanziato con soldi pubblici un’organizzazione, quella di Baobab Experience, che agisce nella totale illegalità.
Anna Pedri

1 commento

  1. Niente di nuovo,il solito pd impunito e protetto dalla pericolosa casta dei magistrati sinistri………. Soldi ai centri sociali,picchiatori ignobili,soldi a chi gestisce zone di spaccio, baraccopoli dove droga e stupri sono all’ordine del giorno………. La regione Lazio paga le deiezioni comunistoidi che spaccano le vetrine,sputano sulle forze dell’ordine e proteggono spacciatori clandestini……..zingaretti si rivela in tutta la sua piena ipocrisia senza dignità……… È un comunista pericoloso, antidemocratico ed arrivista……… Il pd resta tale e quale. Auguri.

Commenta