Modena, 5 feb – Si parla tanto di “processo di integrazione”, ma spesso i primi a non volersi integrare sono proprio gli immigrati ospitati nel nostro Paese. E’ infatti di qualche giorno fa la notizia di un 38enne marocchino accusato di aver picchiato in più di un’occasione la moglie. La “colpa” della donna? Aver cercato di vivere contrariamente ai rigidi precetti imposti dal marito.

Rigide restrizioni 

L’ultima aggressione risale al 1 febbraio. La donna è stata selvaggiamente picchiata dal marito di fronte al loro bimbo di 10 mesi. L’ospedale l’ha dimessa con una prognosi di sette giorni, ma secondo le indagini condotte dalle forze dell’ordine, questo non sarebbe il primo episodio di violenza domestica. Il 38enne marocchino avrebbe infatti stabilito tutta una serie di norme rigidamente restrittive nei confronti della donna, poi culminate in violenze: le avrebbe negato di imparare la lingua italiana impedendole del tutto il processo di integrazione, l’avrebbe segregata e picchiata quando era ancora in stato interessante. In quell’occasione l’uomo l’aveva sorpresa mentre utilizzava Facebook, e l’aveva in seguito sbattuta sulla scrivania facendola svenire, per poi lasciarla priva di sensi sul pavimento. Ora la donna è ospite presso l’abitazione di un connazionale, mentre l’aggressore è stato invece denunciato a piede libero dai carabinieri di San Felice sul Panaro. Attendiamo la stigmatizzazione dell’accaduto dalle solite femministe.

Cristina Gauri

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedenteMeghan Markle come Maria Antonietta: la gaffe reale indigna i britannici
Articolo successivoFlop scuola multietnica: il rendimento cala se immigrati sono sopra il 30%
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

2 Commenti

  1. Ma come?????? Non erano gli italiani a picchiare ed uccidere le donne?????ma come?????? I piddini buonisti ci avevano assicurato che l’islamismo era moderato,che gli africani tribali erano estinti……….. andate a caccccare comunistoidi ipocriti e miserabili,pure con la quintupla c.

Commenta