Il Primato Nazionale mensile in edicola

banche venete crisiRoma, 4 giu – Visto e previsto. Come da copione, a seguito dell’intervento (non risolutivo) da parte del Fondo Atlante, che dopo aver già iniettato due miliardi e mezzo di euro nelle banche venete si è tirato indietro sulle nuove richieste di capitale, siamo di nuovo punto e a capo. Nonostante l’offensiva dell’estate scorsa, Popolare di Vicenza e Veneto Banca rimangono ancora col cerino in mano. I numeri imposti dall’Ue sono chiari: servono quasi 7 miliardi e mezzo di ricapitalizzazione, dei quali 6,4 a gravare sulle spalle dello Stato mentre il miliardo restante dovrà necessariamente essere raccolto fra investitori privati. E chi ce li mette? Ad oggi nessuno è disposto a rischiare un euro in più su due istituti più che traballanti, croce e delizia delle contraddizioni del cuore produttivo italiano. Il governo sta tentando il tutto per tutto con Bruxelles per ottenere uno sconto e far così scendere le richieste, ma deve scontrarsi con un ostruzionismo tedesco che rischia di mandare a gambe all’aria tutto il Triveneto.



Oggetto del contendere è il tema della ricapitalizzazione preventiva, strumento concesso agli Stati dalla Brrd – la famigerata direttiva sul bail in – che permette di utilizzare fondi pubblici per puntellare i bilanci ma, in cambio, fa pagare ai privati una parte del risanamento. Si tratta dello schema sul quale esecutivo ed Ue hanno già trovato la quadra per Monte dei Paschi: banca nazionalizzata con il conto a carico dei detentori di obbligazioni subordinate. Allo stesso tempo è anche necessario che l’istituto oggetto dell’intervento sia, almeno sul medio termine, in grado di poter reggersi sulle proprie gambe: e così Mps subirà una cura da cavallo fatta di cessione di crediti e taglio dei dipendenti che potrà riguardare fino ad un terzo del personale.

Black Brain

Per quanto riguarda le banche venete, invece, la situazione è decisamente più grigia. La Bce ritiene che abbiano una prospettiva di recupero della redditività, opinione non del tutto condivisa dall’Ue e nemmeno dalla Germania: non più tardi dello scorso inverno, più o meno a cavallo della richiesta italiana di procedere alla ricapitalizzazione degli istituti di Vicenza e Montebelluna, il governatore della Bundesbank Jens Weidmann già metteva le mani avanti chiedendo il rispetto puntuale delle regole, in special modo per quanto riguarda la solvibilità. L’ennesima ventata di rigore berlinese a cosa può portare? Se la trattativa Italia-Ue non si sbloccherà, il rischio per Bpvi e Veneto Banca è di vedersi applicata la Brrd per intero: bail in a tutti gli effetti, con effetti catastrofici non solo per azionisti, obbligazionisti già tosati una volta e non solo per i correntisti, ma anche per gli imprenditori di una buona fetta di Veneto, Trentino e Friuli. Perché nella Brrd c’è, fra le altre, una ‘piccola’ clausola che prevede, in caso di integrale applicazione della direttiva, il ritiro immediato di tutti gli affidamenti concessi a persone fisiche ed imprese. Per quanto riguarda Popolare di Vicenza, ha spiegato al Corriere della Sera l’ad Fabrizio Viola, considerando i soli prestiti in bonis si tratta di almeno 30 miliardi di euro. Lo ripetiamo per fugare ogni dubbio: sono affidamenti sicuri, certi, garantiti, che però da un giorno all’alto vengono richiamati indietro, così d’emblée senza nemmeno preavviso. Il risultato? Insieme all’acqua sporca si getta pure il bambino, dato che per una realtà produttiva fortemente esposta nei confronti delle banche (ma non è questa la sede per discutere sul bancocentrismo del sistema industriale italiano) si tratterebbe di un drenaggio da sanguisuga capace di far andare gambe all’aria una parte non indifferenze del fulcro manifatturiero italiano. E magari togliere di torno qualche scomodo concorrente proprio alla Germania, che dopo la campagna acquisti in Grecia si prepara a far compere a prezzi di saldo pure in Italia.

Filippo Burla

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta