Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 4 ago – Per Paolo Berizzi e gli altri questurini dell’antifascismo ossessivo compulsivo, il saluto portato ai caduti da CasaPound e Lealtà Azione, il 29 aprile scorso presso il Campo X del Cimitero Maggiore di Milano, è stato una sorta di patto eversivo. Per i giudici, che devono giudicare in base ai fatti e non alle paranoie, non c’è neanche lo straccio di un reato. La Procura di Milano ha infatti chiesto il proscioglimento per i militanti che quel giorno sono stati fotografati tra le lapidi nel rito del Presente. Non è stato commesso alcun reato, quindi. Alla faccia della nuova ondata di antifascismo reazionario che vorrebbe mettere in galera chiunque pensi, dica, esprima, accenni qualche possibile riferimento al fascismo.



La commemorazione del 29 aprile (giorno in cui, tradizionalmente, a Milano vengono ricordati gli omicidi di Sergio Ramelli, Enrico Pedenovi e Carlo Borsani) seguiva del resto il divieto autoritario arrivato da prefetto e questura circa la commemorazione di quattro giorni prima. Il 25 aprile, i militanti di CasaPound e Lealtà Azione non avevano potuto ricordare i caduti della Rsi, su richiesta dell’Anpi. Una apparente vittoria del fronte talebano, quindi, ribaltata però pochi giorni dopo, con il blitz al Campo X, dove sono sepolti molti dei caduti dell’ultimo fascismo. Per quella commemorazione, la Digos aveva identificato 70 persone, agendo quasi sotto dettatura di Laura Boldrini, che per le immagini del Presente si era particolarmente indignata, come se il ricordo dei morti fosse una violenta provocazione anziché una elementare espressione di pietas.

Black Brain

L’ossessione antifascista, tuttavia, trova ancora e per fortuna un limite nello stato di diritto. Alla luce del quale, la Procura non ha riscontrato alcun reato in quella celebrazione. Tutto è bene quel che finisce bene, quindi. Anche se, nella redazione di Repubblica, qualcuno oggi avrà bisogno di un anti-acido.

Roberto Derta

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

Commenta