Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 17 mag – La campagna vaccini procede a due velocità e nel caos più profondo: se da oggi è possibile fare il vaccino per tutti gli over 40 in molte regioni ci sono ancora molti, troppi over 80, quindi soggetti a rischio, non ancora immunizzati. A sentire il commissario straordinario per l’emergenza Covid-19 Francesco Paolo Figliulo, il piano vaccini procede secondo i piani. Tanto che nei giorni scorsi il generale ha inviato una comunicazione agli enti locali per il via libera alla vaccinazione anche per i nati fino al 1981. Ma tra chi andava messo in sicurezza prima di tutti, ossia gli anziani, ci sono ancora persone che aspettano la prima dose.

Sangue di Enea Ritter

I dati delle regioni: bene Veneto e Emilia-Romagna

I numeri parlano chiaro. In molte regioni non è ancora stato completato il ciclo vaccinale per le categorie prioritarie e quelle più fragili. “Il 9,1% degli over 80 non ha ancora ricevuto nemmeno la prima dose, la percentuale sale al 23,1% della fascia 70-79 e al 42,4% per quella 60-69 anni”, ha fatto presente all’Ansa il presidente della fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta. Le differenze a livello regionale sono molto marcate. Prendiamo il Veneto, il 14 maggio ha annunciato l’apertura delle vaccinazioni per la fascia 40-49 anni, aggiungendo che una volta terminati gli over 40, la vaccinazione sarà aperta a qualsiasi fascia d’età. Ebbene, in Veneto più dell’80% degli over 80 ha ricevuto entrambi le dosi. Ancora meglio l’Emilia-Romagna, dove l’87,6% della popolazione over 80 ha completato il ciclo vaccinale. Però paradossalmente ci sono regioni che hanno aperto appunto agli over 40 ma devono ancora finire di vaccinare gli anziani.

Black Brain

Male Sicilia, Campania e Calabria

Prendiamo la Sicilia che, dopo aver aperto agli over 50, da oggi vaccinerà anche i quarantenni. La regione però è tra le peggiori sul fronte della copertura degli anziani. Soltanto il 69% ha ricevuto la prima dose, e appena il 53,9% ha completato l’intero ciclo vaccinale. Una situazione simile a quella della Calabria, dove solo il 60% delle persone con più di 80 anni ha ricevuto entrambe le dosi. Stesso discorso per la Campania: ha aperto le vaccinazioni agli over 40 (fascia 45-49 anni) già la scorsa settimana. E da domani potrà accedere alle vaccinazioni anche chi ha tra i 40 e i 44 anni. Ma solamente il 67,8% degli over 80 ha completato il ciclo vaccinale. Ultimo esempio, l’Abruzzo, che da oggi apre agli over 40. Ma la regione è tra le ultime in Italia per vaccinazione delle fasce più anziane. Soltanto il 65,4% degli over 80 ha ricevuto entrambi le dosi.

Insomma, nel complesso oltre 500mila persone sopra gli 80 anni è ancora in attesa di ricevere la prima dose. Non una buona notizia, al di là dei proclami. Un ritardo doppiamente grave poi se pensiamo che la vaccinazione azzera ricoveri e decessi.

Adolfo Spezzaferro

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta