Roma, 3 mag – Matteo Salvini passa al contrattacco sul caso Siri e sfida il premier Giuseppe Conte (e i 5 Stelle che lo spalleggiano) sulla Flat tax, finora tenuta in stand-by dal governo gialloverde: “Conte mi scriva sulle tasse, scriviamoci sulle tasse, su qualcosa che interessa agli italiani, non sulla fantasia“. Così il leader della Lega incalza il presidente del Consiglio, dopo che quest’ultimo ha annunciato che chiederà le dimissioni del sotttosegretario Armando Siri, indagato per corruzione, al prossimo Consiglio dei ministri. “Non ho tempo per beghe e polemiche, chiedetelo a Conte” dice da Fidenza il vicepremier, rispondendo a chi gli chiede un commento sulla vicenda.

“La gente mi chiede meno tasse. Non ho tempo da perdere”

“Mi occupo di tasse, sicurezza, droga, immigrazione, lavoro – sottolinea – non ho tempo da perdere. Parlo a nome mio e della Lega e la gente mi chiede meno tasse, più sicurezza, meno droga, più telecamere. Non ho tempo da perdere, non commento nulla, lavoro. Qualcuno ha tempo da perdere polemizzando su altro, non sono io“, ribadisce Salvini. Poi il leader della Lega sfida Conte: “La Flat tax è un’emergenza nazionale, è un diritto, e quindi non esistono parlamentari o ministri che dicono c’è tempo per ridurre le tasse. Il Consiglio dei ministri adesso si deve occupare di riduzione delle tasse. Ieri sono stato con il presidente del Consiglio ungherese a lezione di riduzione fiscale, cosa che vorrei fosse realtà anche in Italia, invece vedo che qualcuno ha tempo da perdere polemizzando su altro, non sono io”.

L’attacco ai 5 Stelle: “Vogliono una crisi di governo”

“Vorrei sapere cosa gli sta saltando in mente. Hanno deciso di aprire una crisi in piena campagna elettorale? Una follia, ci stanno provando in tutti i modi. Perché questa fretta? Non vogliono aspettare nemmeno che Siri spieghi ai giudici come stanno le cose?“. Così, secondo quanto riporta Repubblica, Salvini parlando con i suoi ha commentato la vicenda del sottosegretario indagato, il quale non intende dimettersi.

“Se il 26 maggio Lega prima in Europa, la musica cambia”

Salvini preferisce pensare alle Europee: “Il 26 maggio se la Lega sarà il primo partito non solo in Italia, ma il primo partito in Europa, la musica cambia“. Durante un comizio a Fidenza, nel Parmense, il vicepremier spiega: “Le leggi che si fanno a Bruxelles finora le abbiamo subite e noi a Roma, mettevamo le toppe per cercare di difendere i viticoltori, gli allevatori, gli agricoltori, i consumatori. Adesso – conclude – se andiamo noi a fare le leggi la musica cambia e lo abbiamo dimostrato in questi dieci mesi di governo”.

Adolfo Spezzaferro

Commenti

commenti

2 Commenti

  1. Siri dà molto fastidio agli oligrachi occulti stranieri che si sono impossessati del paese.Lui vuole un Italia sovrana in grado di emettere minibot che sarebbero creazione di denaro pubblica mentre oggi la creazione di denaro è in mano alla BCE privata ed alle banche private che depredano le ricchezze dei popoli in cambio di carta prodotta a costo zero ede esentasse.Le accuse contro di lui sembrano strumentali a metterlo da parte cosi’ da tenerci sottomessi ai poteri occulti non democratici e a far perdere voti alla lega.Non si vuole dare autonomia al paese altrimenti non potremmo essere ricattabili e la svendita dei beni pubblici e privati a entità straniere finirebbe.

  2. “ Un popolo che non si indebita fa rabbia agli usurai” (Ezra Pound).Siri è proprio uno di quelli che vuole un Italia sovrana dagli usurai stranieri e guarda caso i poteri occulti e loro burattini ne chiedono le dimissioni dopo accuse anche false utili a eliminarlo dalla scena politica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here