Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 25 mag – I porti saranno anche “chiusi” come ci vorrebbero fare credere ma gli scafisti una via per raggiungere l’Italia con i loro carichi di esseri umani la trovano sempre. E’ infatti di poco fa la notizia di uno sbarco nel porto di Crotone di 54 immigrati di nazionalità pachistana. La notte scorsa un pattugliatore della Guardia di Finanza ha individuato l’imbarcazione sulla quale stavano viaggiando al largo delle coste di Isola Capo Rizzuto, nel Crotonese, e si è avvicinata per soccorrerli. Due cittadini russi, ritenuti gli scafisti, sono stati arrestati.

I pachistani, che viaggiavano a bordo di una barca a vela battente bandiera statunitense, la quale si trovava alla deriva, sono stati raggiunti da due unità navali dei Roan di Vibo Valentia e una del Roan di Taranto. A quel punto l’equipaggio di uno dei pattugliatori ha prima avvicinato e poi trainato il veliero fino all’arrivo nel porto della città calabrese. Secondo quanto riportato dall‘Ansa i 54 immigrati versano tutti in discrete condizioni di salute, e sono stati fatti sbarcare con l’assistenza del Suem 118 e dalla Croce rossa italiana. In seguito, sono stati condotti nel centro di accoglienza di Sant’Anna di Isola Capo Rizzuto. Stando alle testimonianze raccolte gli immigrati sarebbero salpati da Bodrum, in Turchia. 

Cristina Gauri

2 Commenti

Commenta