Il Primato Nazionale mensile in edicola

Piacenza, 15 gen – Matteo Salvini si scaglia contro i soliti contestatori di sinistra. Stavolta è successo a Piacenza, dove un gruppetto di loro ha cercato di interrompere il discorso del leader della Lega urlando e cantando in coro “Bella Ciao”. Dopo averli ascoltati, Salvini dal palco del comizio per le Regionali in Emilia Romagna li ha liquidati così: “Non ci sono più i contestatori di una volta. Cantano ‘Bella Ciao’ con il rolex al polso. Fosse qua Berlinguer vi prenderebbe a sputazzi“.

I continui attacchi dei compagni in Emilia Romagna

Nel corso della campagna elettorale in Emilia Romagna, i compagni hanno dato fastidio in più di un’occasione. Qualche giorno fa alcuni militanti di Fratelli d’Italia sono stati attaccati dai centri sociali per un gazebo in piazza mentre lo stesso Salvini ha dovuto fare i conti con insulti e contestazioni in un altro comizio. E proprio stamattina, arrivato a Borgo Panigale, a Bologna, è stato preso a insulti dagli antagonisti che gli hanno dato dello “sciacallo” e del “buffone”.

Borgonzioni: “Siamo avanti e non di poco, ecco perché la sinistra ci insulta”

Anche la candidata del destra-centro alla presidenza della Regione, Lucia Borgonzoni, dal palco di Piacenza ha mandato un messaggio chiaro a chi in queste settimane l’ha insultata, fuori e dentro le piazze: “Noi siamo avanti e non di poco, io lo capisco perché ogni ogni mattina mi sveglio e ho Bonaccini più – si alternano – Cazzola, Sala, Zingaretti, Prodi anche – lo vedo sta iniziando ad arrivare – che mi insultano“. Poi l’affondo: “Ma non hanno capito – ha concluso la senatrice leghista – che noi abbiamo la tempra di quelli che non mollano mai. Noi questa Regione ce la riprendiamo, la rivogliamo, e servite tutti voi: non facciamoci prendere dal siamo avanti, loro porteranno chiunque, anche quelli ‘tiepidi’, per cui stiamo attenti: dobbiamo portare al voto e convincere tutte le persone indecise, questa volta possiamo farcela”.

E’ indubbio che una eventuale sconfitta del centrosinistra nella roccaforte rossa per antonomasia scatenerebbe un terremoto nella maggioranza giallofucsia, tale da non escludere una crisi di governo.

Adolfo Spezzaferro

3 Commenti

  1. Minuta osservazione: fare pubblicità alla Rolex è molto sospetto. Sia dal punto di vista della qualità, che delle origini…

Commenta