Il Primato Nazionale mensile in edicola

Venezia, 17 nov – Neanche un giorno di tregua e oggi per Venezia ci sarà un nuovo allarme per l’ennesima alta marea, prevista in tarda mattinata. Si attende acqua alta di 160 centimetri, con il livello che ricominciato a salire verso le 3 di questa notte. Un’altra giornata durissima attende i veneziani se le previsioni saranno rispettate. La sciroccata durerà a lungo, fino a 18 ore, e sarà tale da prender dentro due punte di massima, con in mezzo un picco di minima, che non scenderà mai sotto il metro. In sostanza Venezia rimarrà sommersa fino al pomeriggio di oggi. “La marea si manterrà su valori molto alti per diversi giorni” si legge sul sito del Centro maree del Comune, che prevede fino a martedì picchi sopra il metro, leggendo più avanti un affievolimento dei fenomeni. Per oggi prevista “alta marea eccezionale”, con quasi l’80% della città nuovamente allagato.

Sindaco Brugnaro nominato commissario delegato

Intanto si procede con gli interventi per l’emergenza, con la firma dell’ordinanza della Protezione Civile che ha assegnato al sindaco Luigi Brugnaro il ruolo di commissario delegato, per l’impiego dei 20 milioni di euro già stanziati dal governo, da suddividere nei rimborsi di 5 mila euro per i privati e di 20 mila per le aziende. Brugnaro avrà 40 giorni di tempo per redigere il piano, potendo derogare al Codice dei contratti pubblici, e tra pochi giorni metterà a disposizione dei veneziani la modulistica per segnalare i danni di maggiore entità. “In primis voglio ancora una volta ‘spronare’ i cittadini e le imprese che hanno subito danni a documentare quanto accaduto loro. A breve appronteremo delle schede ad hoc con una serie di specifiche importanti da indicare. Non perderemo tempo: stiamo costituendo una cabina di regia che coinvolgerà anche una squadra di ingegneri e periti per garantire che i cittadini siano informati a dovere – ha sottolineato- A Venezia in questi giorni è venuta tutta l’Italia – ha continuato il primo cittadino – Avete di fronte una città che vuole stare insieme e vuole darsi da fare, e le misure inserite in questa ordinanza dimostrano questa sua volontà di riscatto”.

Sospensione del pagamento dei mutui per un anno

Nell’ordinanza, inoltre, c’è la conferma della sospensione del pagamento dei mutui per un anno. E anche un contributo – da 400 euro a 900 euro mensili a seconda dei componenti del nucleo familiare – per chi ha avuto la casa inagibile a causa della marea e troverà autonomamente una sistemazione abitativa.

Adolfo Spezzaferro

Commenta