Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 4 feb – L’ultimo spregevole oltraggio antifascista alla memoria di Sergio Ramelli stavolta è avvenuto una settimana prima del Giorno del Ricordo, a Milano. I codardi autori hanno affiancato alla scritta “Ramelli assente” anche lo sfregio agli italiani infoibati dai partigiani comunisti e dai titini, scrivendo “+ Foibe – Fasci” su un muro della scuola media di via Tabacchi nel Municipio 5: lo ha denunciato il deputato di Fratelli d’Italia Carlo Fidanza che ne ha chiesto al sindaco l’immediata cancellazione.



L’episodio avviene a distanza di un mese dall’incendio della corona di fiori dedicata al giovane militante del Fronte della Gioventù ucciso barbaramente, nel 1975, da un gruppo di persone appartenenti ad Avanguardia Operaia armate di chiavi inglese modello Hazet 36 e colpito ripetutamente e selvaggiamente in diverse parti del corpo sotto gli occhi della madre. Il giovane Sergio fu lasciato agonizzante al suolo e morì il 29 aprile del 1975, dopo 47 giorni di agonia. Stavolta, l’odio antifascista ha voluto vilmente colpire anche le vittime del disegno di pulizia etnica titina che colpì la Venezia-Giulia e la Dalmazia e si rese responsabile dell’esodo di 300mila persone dai territori guliano-dalmati.

Cristina Gauri 

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Non c’è niente da fare: si divertono ad infamare i morti… Mah! Secondo me si tratta di gravi patologie mentali (e non sto scherzando).

  2. Da milanese mi sento insultato da questo avvenimento, solo gli animali arrivano a una bassezza tale. Negare la morte violenta di migliaia di persone é un atto mostruoso, e insultare Sergio ramelli in quel modo ingiurioso vuol dire giocare sulla morte di un ragazzo che ha dato anche la vita per un idea. Milano non si arrende, ci riprenderemo il diritto di onorare i morti.

Commenta