Roma, 23 nov – Nella Virginia un supermercato diventa il far west, e gli Stati Uniti balzano di nuovo agli “onori” della cronache per l’ennesima strage.

Virginia, gli spari al supermercato: 10 morti

La notizia ha fatto ovviamente il classico “giro del mondo”. Ma i media locali, tra i quali la Bbc, raccontano una vera e propria strage: sarebbero “non più di dieci” (stando al portavoce della polizia Leo Kosinski) le vittime del colpo di testa, in Virginia, del direttore di un supermercato il quale, all’improvviso, avrebbe iniziato a sparare a tutti prima di rivolgersi l’arma alla testa e uccidersi. La segnalazione del fuoco, avvenuto in un Walmart intorno alle 22.15 del posto, ha portato gli agenti sul posto. Lo scenario trovato è stato raccapricciante: diverse persone morte e anche diversi feriti, mentre si è dedotto da subito che la mano fosse unica.

Il terrore e il sollievo tra parenti degli “scampati”

Una delle familiari delle persone dentro il supermercato, una donna, ha riferito che suo fratello, un impiegato di 20 anni del negozio, è stato colpito a colpi di arma da fuoco appena 10 minuti dopo essersi iscritto al lavoro. Dovrebbe essere tra quelli che l’hanno scampata, però, perché è stato in grado di parlare con i parenti di di inviare messaggi. Un’altra donna, Joetta Jeffery riferisce alla Cnn che sua madre era all’interno dell’edificio quando è avvenuto l’attacco, ed era riuscita a inviare messaggi di testo.

La politica, ovviamente, si è espressa. Così ha fatto Mark Warner, senatore democratico per lo stato della Virginia, il quale ha dichiarato di essere “disgustato dalle notizie di un’altra sparatoria di massa”. Sulla stessa linea la senatrice L. Louise Lucas, anche lei democratica, ha aggiunto di avere “assolutamente il cuore spezzato”, dopo aver scritto su Twitter: “Non mi fermerò finché non troveremo le soluzioni per porre fine a questa epidemia di violenza armata nel nostro Paese”.

Alberto Celletti

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Droga ed armi per conquistare il mondo, conseguenza: gli Yankee adesso fumano pure in casa loro !! O stupefacenti, oppure armi, a loro la scelta.

Commenta