Berlino, 28 feb – Ci hanno detto che le razze non esistono come fatto biologico, che sono solo «costrutti sociali». Naturalmente si tratta di una mistificazione che non trova riscontro nei dati reali. Un’ulteriore conferma ci arriva dalla Germania. Qui una donna africana ha chiesto aiuto perché suo figlio soffre di una malattia del sangue molto grave. Per salvarlo sarebbe necessario un trapianto di cellule staminali. Il problema è che il sangue europeo causa molto spesso fenomeni di rigetto se trasfuso in individui africani o arabi. E le conseguenze per la salute possono essere molti gravi, in alcuni casi addirittura mortali.

Il progetto di ricerca

Il direttore del progetto Thomas Zeiler e la madre del bambino africano malato

Per ovviare a questo problema, la Croce rossa tedesca ha lanciato un progetto di ricerca sul sangue e le cellule staminali su base etnica. Il progetto, denominato BluStar.NRW, ha ricevuto anche il finanziamento della Ue, grazie al Fondo europeo di sviluppo regionale. La ricerca sarà coordinata da Thomas Zeiler, direttore del Servizio di donazione del sangue della Croce rossa, in collaborazione con la Caritas e le cliniche universitarie di Essen e Düsseldorf. Il progetto prevede inoltre il lancio di una campagna di sensibilizzazione presso gli immigrati affinché donino il proprio sangue. In particolare si è alla ricerca di sangue e cellule staminali di africani, turchi e mediorientali.  

Leggi anche: Il Canada scheda gli immigrati con il dna. Ma guai a parlare di razza

Il sangue non è acqua

Questa campagna si è resa tanto più urgente in quanto le cliniche tedesche hanno denunciato una crescente difficoltà nel trattare pazienti immigrati, soprattutto se si tratta di trasfusioni di sangue e di trapianto di cellule staminali. Insomma, in Europa la ricerca ematologica su base etnica è ancora in ritardo, soprattutto a causa delle resistenze ideologiche degli «antirazzisti» che, contro ogni evidenza scientifica, si ostinano a negare l’esistenza delle razze in nome del politicamente corretto. Ora, però, l’emergenza – anche medica – provocata dall’immigrazione di massa sta riaprendo la questione. Si avrà finalmente il coraggio di abbattere questo grottesco tabù e di accettare, una volta per tutte, quello che è un evidente dato di fatto?

Valerio Benedetti

5 Commenti

  1. Il nostro sangue nelle loro vene non è adeguato… Crea rigetto… Problemi gravi. Invece il loro sperma nelle nostre donne va bene. Poi nascono i figli scemi… È risaputo da sempre…

  2. Sig. Benedetti,
    relativamente alla comprovata non esistenza delle razze i casi sono due: o non conosce nulla di genetica (e le consiglio quindi di leggersi i lavoro del nostro compianto ed illustre Cavalli-Sforza) oppure mente sapendo di mentire. E ritenendola una persona intelligente (oltre che osservando la rivista su cui scrive) propendo più per la seconda.
    Il suo articolo dovrebbe essere (e probabilmente lo sarà) segnalato a tutti gli organi competenti affinché vengano presi seri provvedimenti nei suoi confronti.
    Siamo nel 2019: è ora che si faccia finalmente qualcosa contro la non più tollerabile disinformazione scientifica dolosa.

Commenta