Roma, 5 ott – Il Premio Nobel per la Fisica 2021 se l’è aggiudicato un italiano: Giorgio Parisi. Vinto insieme al giapponese Syukuro Manabe e al tedesco Klaus Hasselmann “per i contributi innovativi alla nostra comprensione dei sistemi fisici complessi”. Ad annunciarlo è l’Accademia Nazionale dei Lincei, di cui Parisi è presidente emerito.

Giorgio Parisi, il 21° premio Nobel italiano

Con questo premio salgono a 21 i Nobel italiani. Il primo fu Camillo Golgi, che lo ricevette nel lontano 1906, che vinse quello per la medicina. Cinque i Nobel italiani per la fisica prima di Parisi: Enrico Fermi, Guglielmo Marconi, Emilio Segrè, Carlo Rubbia e Riccardo Giacconi.

Gli studi rivoluzionari di Parisi

Parisi è presidente della classe di Scienze fisiche, matematiche e naturali dell’Accademia dei Lincei, nonché ordinario di Fisica teorica dell’Università Sapienza di Roma e ricercatore associato dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn). Già acclamato dalla comunità scientifica per le sue “scoperte rivoluzionarie relative alla cromodinamica quantistica e lo studio dei sistemi disordinati complessi”. Molti i suoi lavori, che gli hanno fruttato circa 600 articoli, fondamentali per lo studio delle particelle elementari, della meccanistica statistica, della fluidodinamica, dei supercomputer e della materia condensata.

Alessandro Della Guglia

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta