Roma, 13 gen — Elon Musk non aveva fatto i conti con i gatti. I quali stanno «azzoppando» il funzionamento di Starlink — rallentandolo sensibilmente — ovvero il sistema ultratecnologico per portare la connessione in tutte le zone più impervie del globo, sfruttando satelliti e parabole per collegare tutti quei luoghi (anche in Italia) dove la fibra o il segnale mobile non sono ancora arrivati.

I gatti contro Starlink

In cielo, il segnale va a meraviglia. Il problema risulta essere, ahimé, sulla Terra e la causa sono proprio i gatti. Lo fa sapere un utente su Twitter, Aaron Taylor, postando una fotografia che ritrae una parabola Starlink, dalla caratteristica forma a «ciotola», ovoidale, ospitare un’intera famiglia di gatti, rannicchiati al timido sole invernale. Le temperature rigide dell’inverno, spiega Taylor, rendono le parabole una vera e propria oasi per i felini. I gatti immortalati nella foto dispongono sì di una cuccia riscaldata, ma durante il giorno preferiscono stare al sole accucciandosi nella parabola. 

Connessione a singhiozzo

Questo perché i dispositivi Starlink, progettate per i luoghi impervi, sono dotate di un sistema di riscaldamento che si attiva in automatico per sciogliere neve e ghiaccio che ne comprometterebbero il funzionamento. E i gatti ne approfittano, rannicchiandocisi sopra. Con il risultato che la connessione va a singhiozzo. A questo punto rimane solo una cosa da fare: spostare la parabola in un luogo inaccessibile ai gatti. Che non è facile trovare, data la loro propensione all’arrampicata libera. Ma qualcuno glielo ha già fatto notare: dove non arrivano i mici, si appollaiano gli uccelli. 

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

Commenta