Il Primato Nazionale mensile in edicola

ricerca3Torino, 31 mar – Un gruppo di ricercatori italiani che riunisce 14 centri universitari del nostro Paese ha scoperto in un gene l’origine della Sclerosi Laterale Amiotrofica, il cosiddetto «morbo dei calciatori». È stato soprannominato «Matrin 3», localizzato in un cromosoma (5), che è l’unità essenziale della cellula e dell’eredità.  La ricerca è «una tappa fondamentale nello studio della malattia», al punto che i risultati sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista internazionale Nature Neuroscience, che ha dedicato all’evento la copertina. Due anni di ricerche hanno coinvolto 108 malati, 32 dei quali italiani, molti dei quali con una «storia familiare» della malattia.



Coordinatore dello studio è stato il professor Adriano Chiò, responsabile del Centro Sla del Dipartimento di Neuroscienze «Rita Levi Montalcini » della Città della Salute di Torino, in collaborazione con la dottoressa Gabriella Restagno, del laboratorio di Genetica Molecolare della stessa azienda ospedaliera torinese, con il dottor Mario Sabatelli (dell’Istituto di Neurologia e del Centro Sla dell’Università Cattolica-Policlinico Gemelli di Roma, e con il dottor Bryan Traynor, neurologo dell’Nih di Bethesda.

Black Brain

Non è in realtà il primo gene individuato, né quello mutato in tutti i pazienti. «Ma è senza dubbio il più importante perché interagisce con un altro gene che codifica una proteina che si accumula invece in tutti i casi di malattia», sottolineano gli studiosi. Secondo il professor Chiò, «la scoperta del nuovo gene coinvolto nell’origine della Sla non porterà purtroppo a terapie immediate, ma i risultati delle nostre ricerche passeranno ora nei laboratori di biologia dove si creano modelli cellulari, e, in vitro, si osserveranno i comportamenti. Quando si trova una mutazione nel Dna è possibile che si tratti di una variante benigna che non scatena alcuna malattia. Lavorare sui casi con “familiarità” ci ha permesso di avere la certezza che fosse invece una alterazione patologica».

Sempre secondo Chiò, «la ricerca fornisce informazioni fondamentali per l’identificazione dei meccanismi della degenerazione dei neuroni di moto, il cui danneggiamento non solo rende progressivamente difficoltosi i movimenti,  ma riduce la massa e la potenza muscolare».

La ricerca ha potuto ottenere questi risultati grazie al finanziamento (per la parte italiana) da AriSla–Fondazione Italiana di ricerca per la Sla, dalla Fondazione Vialli e Mauro, dalla Figc, dal Ministero della Salute e dalla Comunità Europea. Dimostrazione che quando si mettono i mezzi i nostri cervelli in patria danno il meglio e anche qualcosa di più.

 

Gaetano Saraniti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta